POLITICA ITALIANA

Tutto quello che non riguarda wrestling, sport, calcio, tv/cinema o videogiochi... il forum Mondo è il posto per parlare di politica, musica, gossip, arte o quanto altro vi possa venire in mente!
Rocks
Messaggi: 28982
Iscritto il: 28/12/2010, 11:59
Has thanked: 18 times
Been thanked: 52 times

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Rocks » 05/08/2013, 12:19

Blingo ha scritto:
Assolutamente. Ma con la logica non supportata da prove, sai quanti innocenti si sarebbero condannati? Purtroppo, per quanto paradossale possa sembrare, è anche possibile che quei giudici, in assoluta buona fede, ritengano realmente che, in base alle prove fornite, Berlusconi fosse innocente. Anche perché se si sostiene l'eventuale "simpatia" di alcuni giudici nei confronti di B., va da sé che lui e i suoi fedeli hanno tutto il diritto di dire che c'è effettivamente una parte della magistratura (comunista e rossa) che lo accusa e lo condanna in malafede. Senza prove, ma con la logica dei "troppi procedimenti a suo carico".

Che poi andrebbero letti anche gli atti, le prove e tutto l'iter seguito dai processi. Non è detto che non venga fuori che effettivamente le prove a suo carico erano poche o che, dalle prove stesse raccolte, risulti effettivamente innocente (anche perché ha preso tante di queste scorciatoie che si dà subito per scontato che sia colpevole, quando magari non lo è - per alcuni particolari processi, non in generale).

Noi abbiamo, a detta di nomi importantissimi del panorama culturale italiano e mondiale, una delle Costituzioni più belle del mondo (forse un po' datata, andrebbe effettivamente rispolverata). La base da cui dovrebbe derivare il comparto legislativo di questo Paese è quanto di meglio si possa sperare di avere, anche perché garantisce che il destino dell'Italia sia quasi interamente in mano agli italiani, che eleggono come tramite i propri rappresentanti politici. Ed è questo che tengo a sottolineare: non è la legge ad essere corrotta o marcia, non lo sono i giudici (o meglio, non tutti sono necessariamente dei corrotti) o gli avvocati. Il problema è sempre chi, approfittando della Costituzione che rimette il mandato al popolo italiano e, per via diretta, ai rappresentanti politici eletti, la piega al suo volere senza che gli italiani muovano un dito.
E' quel che ho detto anche io. Senza prove rimangono chiacchere e pure passabili di denuncia volendo. Ma a nessuno interessa trovare delle prove per questo. Sulla questione dei processi, mah, hai assolutamente ragione ma anche lì è un cane che si morde la coda. Un innocente che sceglie tutte queste scorciatoie, leggi ad personam e prescrizioni varie per più di cinquanta processi? Credo che un po' di antipatia della magistratura verso Berlusconi sia normale...dopotutto se io ti chiamo più volte pezzente comunista disonesto, ti sembra anormale che tu provi di conseguenza antipatia verso di me? Anche nell'imparzialità obbligata dei magistrati, Berlusconi può aver ragione che una bella parte della magistratura lo detesti ma solo per colpa sua. Cazzo, sono vent'anni che li insulta tutti tranne quelli che lo assolvono.

Che la colpa sia degli italiani è indubbio, ma come ti ho già detto, come popolo siamo storicamente sempre stati molto passivi, perfino con i partigiani fino all'invasione nazista. Troppo passivi...però non è che il permettere a della gente di fare i loro porci comodi illegali sfruttando costituzione, leggi e quant'altro, renda quegli atti legali. Mah, la legge io invece direi che è marcia....o meglio, è più giusto dire che chi la attua è marcio...dall'omicidio agli stupri fino agli stalker e così via....non puoi dirmi che la legge attuale è appropriata se dei poliziotti uccidono un ragazzo senza motivo e dopo manco due anni vengono rimessi in libertà e rimessi perfino al loro posto di lavoro e di potere.



Avatar utente
Jeff Hardy 18
Messaggi: 27285
Iscritto il: 23/12/2010, 9:55
Città: Milano
Been thanked: 45 times

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Jeff Hardy 18 » 05/08/2013, 12:23

Rocks ha scritto:Bravo, vedi che anche tu alla fine non sapendo come rispondere, ti riduci alle faccine?
:LOL:
Fatti un po' di autocritica nella vita ragazzo, o prima o poi ne pagherai le conseguenze quando ti troverai in mezzo agli "amici" e ti accorgerai di essere solo in realtà. Ma non credo che un laureando in psicologia del tuo calibro possa capire queste cose. Le capisci solo quando dicono quel che vuoi sentirti dire.

Veramente, hai più somiglianze con Berlusconi di quanto non credevo all'inizio.
Contento tu, contenti tutti. :firul:
:almostlaughing: Sei più stupido di quanto pensassi.
Ci mancavano giusto i consigli di vita ora hai completato il cerchio.
Spero per te che il tuo sia un personaggio perchè se nella vita sei davvero così stupido un po' mi spiace per te.

Avatar utente
Devixe
Messaggi: 11010
Iscritto il: 19/06/2011, 21:12
Località: Complimenti ai cruiser
Has thanked: 8 times
Been thanked: 9 times
Contatta:

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Devixe » 05/08/2013, 12:25

Che dite di fare qualche reato se Berlusconi ottiene la grazia? Qualche omicidio, evasione fiscale, furto,cose così

Rocks
Messaggi: 28982
Iscritto il: 28/12/2010, 11:59
Has thanked: 18 times
Been thanked: 52 times

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Rocks » 05/08/2013, 12:33

Si, si, rimani nella tua sicumera e arroganza da scopainculo.
Evidentemente mamma e papà non ti hanno mai dato consigli di vita a te.
Come tu non dovresti darne ad altri, non essendone capace.

Poi mi spiace se ti sto antipatico perché non sono tra quelli che ti considera un intelligente enciclopedia del wrestling e non ma solo un arrogante e patetico moccioso che si fa il grande dietro un monitor. Perché è per quello che mi detesti caro, inutile che cerchi di girarci attorno. :LOL2:

Sei più patetico di quanto non sembravi prima.
Ora basta, discutere con te è uno spreco di tempo e allo stesso tempo mi sembra di sparare sulla croce rossa. Torna a parlare con quelli che ti danno sempre ragione, che è l'unico modo in cui puoi discutere con qualcuno.
Ultima modifica di Rocks il 05/08/2013, 12:34, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Blingo
Messaggi: 14040
Iscritto il: 22/12/2010, 21:51
Località: Sony Open Tennis - Miami, USA

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Blingo » 05/08/2013, 12:34

Io mi riferisco alla "legge" nel significato più letterale della parola. Potresti portarmi ad esempio tantissimi processi che hanno subito dei vizi di forma, che sono stati inficiati da delle indagini superficiali, i cui giudici hanno giudicato male... ma questo non rende la legge in sé marcia (e quindi è giusto sottolineare come ci sia un problema di chi la scrive e di chi, in parte, la esercita - perché giustamente potrei citarti anche molti esempi di processi che hanno seguito un iter pressoché perfetto dall'inizio alla fine).

Poi sicuramente ci sono dei difetti nella legge italiana, ci mancherebbe (abbiamo ratificato il Protocollo opzionale la Convenzione ONU contro la tortura nel 2002, ma nel codice penale manca la fattispecie del reato, ad esempio), però quante di queste mancanze devono essere ricondotte a chi ci governa da diversi anni? Tutte, purtroppo. Quante alla Costituzione su cui si basa il legiferare italiano? Pressoché nessuna: è garantista e dà assoluta libertà di scelta. Che è come dire "Oh, io ti garantisco dei principi inviolabili, però siccome la legge si deve adattare ai tempi e alla società, fai come ti pare: se ti eleggi dei corrotti immorali, cazzi tuoi" (ed è esattamente così che dovrebbe essere, altrimenti se non lasciasse quel margine di decisione libera, sarebbe una "dittatura" imposta da un foglio di carta). E quindi si ritorna al solito problema: chi è "sbagliato" in Italia è chi governa e chi elegge, non la legge che glielo permette (perché permette al popolo stesso di scegliersi chi deve rappresentarli). E laddove la legge ha delle lacune o viene stuprata per potersi salvare il culo, letteralmente, nei processi, la colpa ricade sempre su chi la fa questa legge.

Per questo contestavo inizialmente quel tuo (non cito testualmente, riassumo alla buona) "solo in Italia Berlusconi ha avuto via libera per fare i porci comodi suoi", perché sembrava lasciassi intendere che noi abbiamo una base legislativa che gli permette di fare quello che vuole, quando in realtà chi gliel'ha realmente concesso (e su questo, appunto, concordiamo) sono gli italiani stessi.

Avatar utente
Jeff Hardy 18
Messaggi: 27285
Iscritto il: 23/12/2010, 9:55
Città: Milano
Been thanked: 45 times

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Jeff Hardy 18 » 05/08/2013, 12:35

Rocks ha scritto:Si, si, rimani nella tua sicumera e arroganza da scopainculo.
Evidentemente mamma e papà non ti hanno mai dato consigli di vita a te.
Come tu non dovresti darne ad altri, non essendone capace.

Poi mi spiace se ti sto antipatico perché non sono tra quelli che ti considera un intelligente enciclopedia del wrestling e non ma solo un arrogante e patetico moccioso che si fa il grande dietro un monitor. Perché è per quello che mi detesti caro, inutile che cerchi di girarci attorno. :LOL2:

Sei più patetico di quanto non sembravi prima.
Ora basta, discutere con te è uno spreco di tempo e allo stesso tempo mi sembra di sparare sulla croce rossa. Torna a parlare con quelli che ti danno sempre ragione, che è l'unico modo in cui puoi discutere con qualcuno.
:divertito1:

Rocks
Messaggi: 28982
Iscritto il: 28/12/2010, 11:59
Has thanked: 18 times
Been thanked: 52 times

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Rocks » 05/08/2013, 12:42

Blingo ha scritto:Io mi riferisco alla "legge" nel significato più letterale della parola. Potresti portarmi ad esempio tantissimi processi che hanno subito dei vizi di forma, che sono stati inficiati da delle indagini superficiali, i cui giudici hanno giudicato male... ma questo non rende la legge in sé marcia (e quindi è giusto sottolineare come ci sia un problema di chi la scrive e di chi, in parte, la esercita - perché giustamente potrei citarti anche molti esempi di processi che hanno seguito un iter pressoché perfetto dall'inizio alla fine).

Poi sicuramente ci sono dei difetti nella legge italiana, ci mancherebbe (abbiamo ratificato il Protocollo opzionale la Convenzione ONU contro la tortura nel 2002, ma nel codice penale manca la fattispecie del reato, ad esempio), però quante di queste mancanze devono essere ricondotte a chi ci governa da diversi anni? Tutte, purtroppo. Quante alla Costituzione su cui si basa il legiferare italiano? Pressoché nessuna: è garantista e dà assoluta libertà di scelta. Che è come dire "Oh, io ti garantisco dei principi inviolabili, però siccome la legge si deve adattare ai tempi e alla società, fai come ti pare: se ti eleggi dei corrotti immorali, cazzi tuoi" (ed è esattamente così che dovrebbe essere, altrimenti se non lasciasse quel margine di decisione libera, sarebbe una "dittatura" imposta da un foglio di carta). E quindi si ritorna al solito problema: chi è "sbagliato" in Italia è chi governa e chi elegge, non la legge che glielo permette (perché permette al popolo stesso di scegliersi chi deve rappresentarli). E laddove la legge ha delle lacune o viene stuprata per potersi salvare il culo, letteralmente, nei processi, la colpa ricade sempre su chi la fa questa legge.

Per questo contestavo inizialmente quel tuo (non cito testualmente, riassumo alla buona) "solo in Italia Berlusconi ha avuto via libera per fare i porci comodi suoi", perché sembrava lasciassi intendere che noi abbiamo una base legislativa che gli permette di fare quello che vuole, quando in realtà chi gliel'ha realmente concesso (e su questo, appunto, concordiamo) sono gli italiani stessi.
Certo, non è la legge in se il problema ma chi la applica, chi non la applica e chi la modifica a piacer suo. E chi mette tale gente in condizione di farlo. Sul discorso di democrazia dipende, se uno che viene votato è un personaggio sospettato e a ragione di vari reati criminali, per quanto la legge non riesca a condannarlo o non voglia condannarlo, non si dovrebbe permettere alla gente di votarlo.

Un po' il discorso che fanno i neofascisti che chiedono la democrazia per poter idolatrare il fascismo che è antidemocratico. E' un controsenso totale.

Sulle colpe degli italiani, concordiamo in pieno invece.

Avatar utente
Blingo
Messaggi: 14040
Iscritto il: 22/12/2010, 21:51
Località: Sony Open Tennis - Miami, USA

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Blingo » 05/08/2013, 12:49

Rocks ha scritto:
Certo, non è la legge in se il problema ma chi la applica, chi non la applica e chi la modifica a piacer suo. E chi mette tale gente in condizione di farlo. Sul discorso di democrazia dipende, se uno che viene votato è un personaggio sospettato e a ragione di vari reati criminali, per quanto la legge non riesca a condannarlo o non voglia condannarlo, non si dovrebbe permettere alla gente di votarlo.

Un po' il discorso che fanno i neofascisti che chiedono la democrazia per poter idolatrare il fascismo che è antidemocratico. E' un controsenso totale.

Sulle colpe degli italiani, concordiamo in pieno invece.
È il problema dell'innocenza fino a prova contraria, che è sempre stata un'arma a doppio taglio (e d'altronde è un concetto che non si può né eliminare completamente, né tantomeno applicare a piacimento). L'unica garanzia che ti può dare la legge è quella di non eleggere un condannato, perché si è accertato senza dubbio alcuno che è colpevole di quel determinato reato.

Non a caso, infatti, la differenza principale che tutti i giornalisti (italiani ed esteri) tendono a sottolineare tra l'Italia e gli altri Paesi, è che all'estero è molto più frequente che un indagato (quindi non necessariamente condannato) si dimetta. Dimissioni che, però, nessuna legge gli obbliga a dare (tutt'al più è il suo partito di appartenenza che lo spinge a dimettersi, per mantenere limpida l'immagine del partito - o è lui stesso a farlo, perché ha una morale). Ma, come vedi, si tratta sempre di "moralità", mai di "obblighi di legge".

Facciamo più schifo moralmente che nella praticità delle cose (come può essere l'applicazione o la scrittura di una legge).

Rocks
Messaggi: 28982
Iscritto il: 28/12/2010, 11:59
Has thanked: 18 times
Been thanked: 52 times

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Rocks » 05/08/2013, 12:57

Blingo ha scritto:
È il problema dell'innocenza fino a prova contraria, che è sempre stata un'arma a doppio taglio (e d'altronde è un concetto che non si può né eliminare completamente, né tantomeno applicare a piacimento). L'unica garanzia che ti può dare la legge è quella di non eleggere un condannato, perché si è accertato senza dubbio alcuno che è colpevole di quel determinato reato.

Non a caso, infatti, la differenza principale che tutti i giornalisti (italiani ed esteri) tendono a sottolineare tra l'Italia e gli altri Paesi, è che all'estero è molto più frequente che un indagato (quindi non necessariamente condannato) si dimetta. Dimissioni che, però, nessuna legge gli obbliga a dare (tutt'al più è il suo partito di appartenenza che lo spinge a dimettersi, per mantenere limpida l'immagine del partito - o è lui stesso a farlo, perché ha una morale). Ma, come vedi, si tratta sempre di "moralità", mai di "obblighi di legge".

Facciamo più schifo moralmente che nella praticità delle cose (come può essere l'applicazione o la scrittura di una legge).
Ma anche sul condannato comunque dentro la politica....vedesi Dell'Utri.
Non è un problema solo di morale, anche perché alla fine queste applicazioni e non applicazioni ci hanno portato a trovarci di fronte alla crisi in condizioni disastrose.

Sulle dimissioni, è buon senso ma anche consapevolezza o meno della condanna. Berlusconi non si è mai dimesso perché è sempre stato sicuro di non essere condannato, fino ad oggi. Oltre il fatto che se uscisse dalla politica sarebbe probabilmente finito. Non centra molto la morale, quanto l'interesse.
Lo stesso interesse spesso disonesto che spinge la gente a votarlo. Oltretutto il pdl ha poco da mantenere limpida l'immagine ormai....si è mescolato con la lega nord, peggio di così non può fare.

Avatar utente
Blingo
Messaggi: 14040
Iscritto il: 22/12/2010, 21:51
Località: Sony Open Tennis - Miami, USA

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Blingo » 05/08/2013, 13:10

Rocks ha scritto:
Ma anche sul condannato comunque dentro la politica....vedesi Dell'Utri.
Non è un problema solo di morale, anche perché alla fine queste applicazioni e non applicazioni ci hanno portato a trovarci di fronte alla crisi in condizioni disastrose.

Sulle dimissioni, è buon senso ma anche consapevolezza o meno della condanna. Berlusconi non si è mai dimesso perché è sempre stato sicuro di non essere condannato, fino ad oggi. Oltre il fatto che se uscisse dalla politica sarebbe probabilmente finito. Non centra molto la morale, quanto l'interesse.
Lo stesso interesse spesso disonesto che spinge la gente a votarlo. Oltretutto il pdl ha poco da mantenere limpida l'immagine ormai....si è mescolato con la lega nord, peggio di così non può fare.
Lo sottolineavo qualche pagina fa: è sbagliatissimo che un gruppo di tuoi pari (parlamentari e senatori) debba decidere della tua esclusione dalla vita politica o sul procedere al tuo arresto. D'altronde era un concetto concepito nella speranza di trovare un ambiente perfettamente imparziale, non quello diviso in due "tifoserie" com'è di fatto il parlamento italiano. Ed è anche difficile trovare una soluzione, dato che se lasci che alla condanna sussista immediatamente l'arresto, in un certo senso deliberi che il potere giudiziario sta al di sopra del potere esecutivo e legislativo.

Poi va beh, il discorso di mantenere l'immagine limpida lo facevo in riferimento proprio ai Paesi esteri. Sai che gliene frega al PDL di mantenere limpida l'immagine quando, pur facendo e dicendo le peggio cose, si becca il 30% dei voti.

Rocks
Messaggi: 28982
Iscritto il: 28/12/2010, 11:59
Has thanked: 18 times
Been thanked: 52 times

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Rocks » 05/08/2013, 13:17

Blingo ha scritto:
Lo sottolineavo qualche pagina fa: è sbagliatissimo che un gruppo di tuoi pari (parlamentari e senatori) debba decidere della tua esclusione dalla vita politica o sul procedere al tuo arresto. D'altronde era un concetto concepito nella speranza di trovare un ambiente perfettamente imparziale, non quello diviso in due "tifoserie" com'è di fatto il parlamento italiano. Ed è anche difficile trovare una soluzione, dato che se lasci che alla condanna sussista immediatamente l'arresto, in un certo senso deliberi che il potere giudiziario sta al di sopra del potere esecutivo e legislativo.

Poi va beh, il discorso di mantenere l'immagine limpida lo facevo in riferimento proprio ai Paesi esteri. Sai che gliene frega al PDL di mantenere limpida l'immagine quando, pur facendo e dicendo le peggio cose, si becca il 30% dei voti.
Più che l'arresto, quel che dovrebbe esserci subito è la sospensione di tutti i poteri e della posizione occupata in quel momento specie se non ti dimetti e tenti di sfruttare il tutto per favorirti nel processo in corso. Altrimenti è una mezza farsa. Mah il parlamento italiano è un miscuglio assurdo, neanche due tifoserie....trionfano sempre gli interessi generali. PD e PDL non li vedo affatto così divisi, dipende dall'interesse. Poi di facciata si fanno la guerra ma in realtà...bah.

Eh quello è il problema, li votano comunque.
Se poi PD e televisioni gli danno una mano, ancora peggio.
Prima dell'invito di Santoro a Berlusconi, i voti del pdl erano crollati sotto il 16%...poi di botto si sono rialzati, complice l'incapacità del PD di riuscire a mantenere la posizione di forza in cui si trovava.

Avatar utente
forzamagicaunione
Messaggi: 605
Iscritto il: 30/12/2010, 23:32
Città: Venezia
Località: Venezia

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da forzamagicaunione » 05/08/2013, 13:25

Rocks ha scritto:
Mi prendi in giro? Se non era per l'invito a quel programma dove lo hanno rimesso sul palcoscenico e poi in auge, Berlusconi era bello che finito. Ma finito del tutto, era sotto e di netto. Santoro per soldi e Travaglio per riproporsi come nemico numero uno, lo hanno salvato. Travaglio mi ha deluso, lo ritenevo una persona di ben altra caratura ma alla fine sembra che senza Berlusconi non sia capace di mettersi in mostra e abbia sempre bisogno di lui e dei suoi politici, altrimenti non lo calcolerebbe nessuno.

Mentana altro livello, grazie, non paragoniamolo nemmeno a quei due.
Temo sempre il giorno in cui potrebbe essere fatto fuori, lui e Carlo Lucarelli.
Oltre a Crocetta e Merola.

Che il PD abbia tenuto Berlusconi in piedi fino ad ora è risaputo...non parliamo di D'alema che è meglio.
Ma su dai, lo votavano lo stesso anche se non andava da Santoro, lo vuoi capire che tantissima gente mongolide che lo vota non sta a guardare se fa bene o male il suo lavoro, se fa porcate o meno, se ha amichetti impresentabili o meno, ma lo vota perchè gli piace il tipo (e non il partito!!) "che lotta contro il comunismo"? E' una "star", sa infinocchiare chi è idiota (basta che senti qualche intervista della gente comune che lo sostiene). Sta gente non sa un cazzo di quello che ha fatto (e che non ha fatto) in 20 anni (o se ne frega, dimostrando a maggior ragione di essere una persona di merda). Se gli parli di falso in bilancio, leggi anticorruzione, lodo alfano, legittimo impedimento, attività parlamentare e cose di questo tipo non sanno una minchia, gli basta solo avere il buffone messo là per combattere i "rossi". Una larghissima percentuale di italiani è mediamente molto più insulsa di quello che si pensa, e tra questi ci metto pure chi lo vota, dice che però non gli piace come persona, ma gli da il suo voto solo perchè "non c'è alternativa" (ne conosco).

In un paese normale, dopo tutti sti decenni di merda politica, se nell' offerta c'è un' opzione chiamata M5S (del quale si possono discutere idee e scelte politiche), quest' ultima prenderebbe il 50% dei voti. Ma siamo in Italia.

Torno a lavorare sennò mi inchiappettano.

Rocks
Messaggi: 28982
Iscritto il: 28/12/2010, 11:59
Has thanked: 18 times
Been thanked: 52 times

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Rocks » 05/08/2013, 13:32

forzamagicaunione ha scritto:
Ma su dai, lo votavano lo stesso anche se non andava da Santoro, lo vuoi capire che tantissima gente mongolide che lo vota non sta a guardare se fa bene o male il suo lavoro, se fa porcate o meno, se ha amichetti impresentabili o meno, ma lo vota perchè gli piace il tipo (e non il partito!!) "che lotta contro il comunismo"? E' una "star", sa infinocchiare chi è idiota (basta che senti qualche intervista della gente comune che lo sostiene). Sta gente non sa un cazzo di quello che ha fatto (e che non ha fatto) in 20 anni (o se ne frega, dimostrando a maggior ragione di essere una persona di merda). Se gli parli di falso in bilancio, leggi anticorruzione, lodo alfano, legittimo impedimento, attività parlamentare e cose di questo tipo non sanno una minchia, gli basta solo avere il buffone messo là per combattere i "rossi". Una larghissima percentuale di italiani è mediamente molto più insulsa di quello che si pensa, e tra questi ci metto pure chi lo vota, dice che però non gli piace come persona, ma gli da il suo voto solo perchè "non c'è alternativa" (ne conosco).

In un paese normale, dopo tutti sti decenni di merda politica, se nell' offerta c'è un' opzione chiamata M5S (del quale si possono discutere idee e scelte politiche), quest' ultima prenderebbe il 50% dei voti. Ma siamo in Italia.

Torno a lavorare sennò mi inchiappettano.

Fidati, senza quella messa in scena dove gli hanno riconcesso il palcoscenico, la gente semplicemente non avrebbe votato nulla. Ovviamente i disonesti e gli ignoranti ci sono sempre che lo votano, aveva comunque il 15% prima di quell'apparizione. Ma che di colpo ritorni in auge dopo quella e torni al 30% non credo sia solo dovuto all'idiozia italiana.

Sulla mancanza di alternativa, la colpa è del PD e della falsa sinistra in generale. Così impegnati a fare da opposizione che alla fine non si sono mai presentati come la vera alternativa a Berlusconi. Per finire come si è finiti ora, a fare un governo con il pdl.

Mah, non saprei eh, l'uomo qualunque a cui si rifà Grillo non ha mai avuto successo duraturo né in Italia nel dopoguerra né in altre parti del mondo. Grillo e il suo movimento si son persi quando avrebbero potuto fare il grande salto finale. Si son persi per l'arroganza di Grillo e la sua stupidità soprattutto.

Avatar utente
Blingo
Messaggi: 14040
Iscritto il: 22/12/2010, 21:51
Località: Sony Open Tennis - Miami, USA

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Blingo » 05/08/2013, 13:33

ANCHE GESU' CRISTO È STATO CONDANNATO DA TRE TRIBUNALI: INNOCENTE!

[youtube][/youtube]

Avatar utente
Geno
Messaggi: 12496
Iscritto il: 27/12/2010, 16:46
Città: Venezia
Località: Venezia
Has thanked: 1 time
Been thanked: 13 times

Re: POLITICA ITALIANA | Season XVI: "Micro-Chip e Chop"

Messaggio da Geno » 05/08/2013, 13:36

http://www.lafucina.it/2013/08/05/il-po ... ondannato/" onclick="window.open(this.href);return false;

E' una puntata di "Mario"?(cit. Butler)

Rispondi