TWC - Friday Night Indoor War(#81-#84)

La E-Fed ufficiale di Tuttowrestling.com! Tutti gli utenti possono cimentarsi a diventare un wrestler professionista in uno dei più classici fantasy game praticato dagli appassionati di Wrestling.
Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 11/01/2019, 22:04

Bentornati in diretta con Friday Night Indoor War, capitolo ottantunesimo!
Immagine
Senza nemmeno un istante di attesa, a riaccoglierci è la theme di The Great Alexandre, che fa puntualmente la propria uscita dal backstage. Accolto prevalentemente dal silenzio del pubblico, il greco si ferma in cima alla rampa d'ingresso, in ascolto del proprio inno, con la mano sul cuore. Accortosi che il pubblico non è altrettanto partecipe, Alexandre scende la rampa e va a muso duro con i tifosi delle prime file, invitandoli a cantare - senza alcun successo. Alexandre applaude sarcasticamente i supporters, per poi dirigersi verso il ring... ma tutto ad un tratto la sua theme viene interrotta da una musica completamente differente.
Immagine
The Great Alexandre si volta di scatto, evidentemente stizzito. Dal canto suo, Jack Keenan fa la sua comparsa in cima alla rampa d'ingresso in abbigliamento da combattimento e si dirige immediatamente verso il ring, a passo veloce. Il Pain Deliverer non sembra nemmeno accorgersi della presenza di Alexandre e lo supera senza degnarlo di uno sguardo. Il greco gli appoggia una mano sulla spalla, costringendolo a girarsi. The Great Alexandre sussurra qualcosa all'ex campione, indicando poi la direzione da cui è venuto. JK stringe gli occhi cerchiati di nero, come se si fosse effettivamente accorto solo ora del greco, poi gli sussurra qualcosa di rimando. Alexandre si incupisce. Con un gesto rude, il greco spinge il Pain Deliverer, spostandolo dalla propria strada e proseguendo oltre. Jack Keenan per un istante rimane immobile, poi inizia a ridacchiare... afferra the Great Alexandre per la collottola e lo lancia contro le barricate!
Immagine
Il lottatore di Atene rimane immobile a terra, contro le transenne. Jack Keenan lo investe con una terrificante scarica di pestoni, che colgono l'indifeso Alexandre al busto ed al volto. Per buona misura, il Pain Deliverer rialza il greco, lo trascina verso l'area tecnica e lo scaglia contro una pila di cavi e tubi.
Immagine
Senza tradire la minima emozione, Jack Keenan volta i tacchi e si dirige di nuovo verso il ring. Il Pain Incarnate non sale sul quadrato, ma va verso l'area del timekeeper. JK si affaccia alle barricate e chiama a sè una confusa Jessica Rose.
Immagine
L'annunciatrice si avvicina lentamente, guardandosi intorno, come alla ricerca di una spiegazione. Jack Keenan si accosta a lei e le sussurra qualcosa all'orecchio. Jessica Rose appare ora, se possibile, ancor più confusa. L'annunciatrice scuote la testa, Jack Keenan si limita ad annuire. Jessica si guarda ancora intorno, ma poi non ha altra scelta se non raccogliere il microfono.

JR: Ladies and Gentlemen, the following contest is a Singles match scheduled for one fall, and it is for the TWC World Heavyweight Championship.

Un brusio confuso si fa largo tra il pubblico - alimentato anche dal tono ben poco convinto di Jessica Rose.

JR: Introducing first, the Challenger: from Atlanta, Georgia, weighing at 201 pounds. Jack Keenan...

Senza troppi complimenti, Jack Keenan allunga una mano verso l'annunciatrice, invitandola a consegnargli il microfono. Jessica Rose, che non sembrava aspettare altro, quasi glielo scaglia addosso prima di tornare ad occupare la propria sedia. Solo ora, finalmente, il Pain Deliverer fa il suo ingresso sul ring.

Keenan: Pensavi non facessi sul serio? Ti aspetto qui, Michael Edwards.

JK si porta alle corde, lo sguardo fisso verso il backstage. Passano almeno una decina di secondi senza che nulla accada.

Keenan: Prendi il tempo che ti serve, Michael, io ho tutta la serata. Vediamo se sei pronto ad assumere le tue responsabilità come TWC Champion. Vediamo se sei degno di portare in giro la mia cintura.

Il silenzio risponde a Jack Keenan. Nulla si muove. Altri venti secondi almeno.

Keenan: Che succede, Michael? Hai paura di accogliere la sfida dell'"ombra di Jack Keenan"?

Primo piano sul volto pallido dell'ex campione. Tutto ad un tratto, JK stringe gli occhi.

Keenan: Prevedibile...
Immagine
Immagine Immagine
Un piccolo plotone formato da una decina di energumeni in nero fa la sua comparsa dal backstage e si dirige di buona lena verso il ring. Gli uomini della security, guidati da Adam Jones ed Alex Wilson, circondano il quadrato. I due componenti della A&A Security litigano su chi debba salire sul ring a parlamentare con Keenan, che alza gli occhi al cielo. Alla fine, i due optano per rimanere entrambi a bordo ring, invitando l'ex campione ad abbandonare il quadrato. La risposta di Keenan si limita ad una risatina, seguita da un invito alla security di andare a raggiungerlo. Adam ed Alex, di fronte al suo sguardo, non sembrano porre obiezioni e rivolgono un cenno al resto degli uomini in nero, che muovono un passo verso il ring...
Immagine
... ma tutto ad un tratto risuona nell'arena "Spider Baby"! I membri della security e Jack Keenan, all'unisono, volgono la testa verso l'entrata del backstage, da cui esce Sanshkin, cintura alla vita ed abiti da combattimento. Con movimenti studiati, il nuovo TWC Champion si avvicina lentamente al ring, passando tra due ali di uomini in nero. Sanshkin si avvicina a sua volta all'area del timekeeper, con un cenno delle dita chiama a sè uno degli addetti... E GLI FA SEGNO DI SUONARE LA CAMPANELLA! Sanshkin vuole il match! Jack Keenan si lascia scappare un sorrisetto, forse il primo sorriso di questa puntata. Jack Keenan vs Sanshkin per il TWC World Heavyweight, è ufficiale!
Immagine
MA TUTTO AD UN TRATTO SI SPENGONO LE LUCI IN TUTTA L'ARENA! Il Barclays Center rimane al buio. Sentiamo un po' di brusio e qualche urlo stridulo venire dagli spalti, ma dall'area ring non proviene un suono.
Immagine
Dal nulla, nel buio, si accende una candela. Il cero si sposta leggermente, illuminando con la sua luce fioca l'espressione vigile di Jack Keenan; poi torna indietro, mostrandoci un altro volto.
Immagine
LUKAS SANNHET! Il norvegese soffia sulla candela, spegnendola a pochi centimetri dal volto di Keenan. La luce torna improvvisamente, Keenan si scaglia in avanti per afferrare Sannhet... ma il norvegese è alle sue spalle!
Immagine
Sølvmåne! Sannhet ha afferrato il polso di Keenan e lo ha steso con una delle sue mosse migliori, sotto gli sguardi di tutti i presenti! Senza indugi, il norvegese rialza il Pain Deliverer e sistema la sua testa fra le proprie gambe: AZOTH Project!
Immagine
Jack Keenan rimane al tappeto, immobile. Senza scomporsi, Lukas Sannhet si siede al suo fianco, con le gambe incrociate. Fuori ring, tutti i testimoni di questa scena si guardano l'un l'altro, senza sapere cosa fare. L'unico a muoversi è Sanshkin, il quale, dopo essersi aggiustato la cintura sulla spalla, passa di nuovo fra i membri della security e si dirige verso il backstage, non prima di essersi girato un'ultima volta verso il ring per contemplare la scena. Intanto, Lukas ha recuperato il microfono di Keenan e lancia un breve sguardo di risposta a Sanshkin.

LS: Fuggi ora, Sanshkin. Il momento arriverà anche per te.

Il norvegese adesso abbassa la testa su Keenan, steso accanto a lui.

LS: Ma per ora tocca a lui. È un piacere fare la tua conoscenza, Demone del Dolore.

Sannhet poggia con cautela il microfono sul tappeto davanti a se e continua a scrutare Keenan, mentre il pubblico rumoreggia. Su queste sorprendenti immagini noi andiamo in pubblicità.




Up Next: Daniel Carson



Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 11/01/2019, 22:07

Ben ritrovati in diretta con Indoor War dal Barclays Center di New York! Daniel Carson è sul ring, microfono alla mano, pronto a rivolgersi al pubblico.
Immagine
DC: Signore e signori, prima di proseguire col prossimo segmento ho bisogno di voi per risolvere una questione annosa.

Carson sospira.

DC: ci giungono delle voci secondo le quali qualcuno sostiene che il comedy TWC non faccia ridere. Vorremmo chiamare un volontario del pubblico per avere delle opinioni sui nostri personaggi comedy. Chi si offre?

Immediatamente una marea di manih si alzano al cielo. Carson ispeziona rapidamente i candidati e poi chiama un ragazzo dalle prime file. Il fortunato viene accompagnato sul ring dalla security. Daniel si avvicina a lui.

DC: Benvenuto su un ring della TWC! Innanzitutto, come ti chiami?

???: Grazie Daniel! Il mio nome è...
Spoiler:
Immagine
???: Il mio nome è Lorenzo Landi!
DC: Bene, caro. Suvvia, dicci quali sono i tuoi personaggi preferiti. Esagon Jr? STENG!, oh my ged?

LL: Figa, li adoro entrambi. Sono degli eroi, fanno sempre ridere.

Il pubblico esulta, approvando.

DC: Ottimo!

LL: Anche i RoManisti, RET, Matt Wrestling, Spoony! Sono fantastici!

DC: E cosa mi dici di TZO e dei Piedisti?

Un'espressione mesta si dipinge sul volto del fan.

LL: Ebbene sì, TZO è un pg che trovo piuttosto anonimo, ad onor del vero.

Boato di sgomento del pubblico. Anche Carson sembra perplesso.

LL: Don't like TZO, coming out.

Momento di gelo nell'arena, interrotto dal risuonare di una theme song.
ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine
Oh oh. I Piedisti al gran completo fanno il loro ingresso in scena, marciando compatti col loro classico passo dell'oca. I cinque si posizionano l'uno affianco all'altro sul ring, ponendosi di fronte allo spettatore e a Daniel Carson. L'intervistatore arretra di qualche passo, lo spettatore rimane immobile. Coraggio o stupidità? Ai posteri l'ardua sentenza. Nel frattempo, TZO, dal centro della formazione, fa un cenno col capo a Hood. Il dottore fa un passo avanti e richiama a sua volta Stige e Flegetonte, che avanzano minacciosamente verso il povero Lorenzo dai due lati, tagliandogli più vie di fuga. Lo sguardo di Landi dardeggia a destra e a sinistra, cercando di prevedere quale dei due nipponici andrà all'attacco per primo.
Immagine
Footbeat Overdrive! Il malvagio TZO coglie di sorpresa lo sventurato membro del pubblico e lo atterra con una delle sue manovre migliori e più innovative! I Piedisti se la ridono, mentre TZO si avvicina al corpo inerme di Landi.

TZO: TZO didn't screw Landi. Landi screwed Landi.

Dopo aver subito la versione comedy del ban dal gruppo Whatsapp, lo spettatore viene soccorso dal dottor Brooks. Il diligente medico viene però minacciato e rispedito fuori ring da un ringalluzzito Tony Nelli. Il Messo dell'Abisso, con espressione tronfia, sale sulla schiena di Landi, utilizzandolo come piedistallo umano.

TNY: Signore e signori, o meglio, maledetti pezzenti di razza inferiore, questo è ciò che accade a chi cerca di opporsi all'inarrestabile avanzata del Movimento Piedista.

Fischi dal pubblico. Nelli si sistema meglio sulla schiena di Landi.

TNY: Questa sera assisterete al ritorno in auge dell'eroico leader del Clan del Piede. Questa sera finalmente il FootTitolo ritornerà nelle mani del suo Creatore. L'unico, il solo, l'inimitabile TZO!

Tony scende da Landi, facendo spazio al suo mentore, che si accomoda di buon grado. Il microfono appuntato sul petto, TZO inizia la sua arringa.

TZO: L'anno terrestre 2019, il 5469 dopo STENG!, oh my ged, secondo il calendario del Piano Abissale delle Ombre, si apre con la possibilità per me e per il Clan del Piede di appianare tutti i torti subiti l'anno scorso.

TZO annuisce, convinto.

TZO: Durante questo mese di pausa, non ho fatto altro che lavorare duramente. Non sono nemmeno andato a venerare il sangue di San Gennaro, né ho rivisto i video dei migliori gol di Maradona su Youtube. Nessun bollettino di aggiornamento dalla Roccaforte Piedista. Solo allenamento, per riprendermi il FootTitolo che IO ho creato, l'invenzione che IO ho portato a voi maledetti della TWC!

Il pubblico fischia copiosamente, mentre Tony Nelli cerca timidamente di riprendere la parola.

TNY: Mi scuso, mio signore. A proposito di quello che ha appena detto, ho urgenti notizie da comunicarle su un fatto increscioso avvenuto nel Piano Abissale delle Ombre. Un fatto che ci è stato comunicato con colpevole ritardo dai nostri luogotenenti della Roccaforte.

TZO alza un sopracciglio. Nelli prende fiato, teso.

TNY: Una prigioniera è riuscita ad evadere dalle celle di massima sicurezza.

Una vena comincia a pulsare sulla tempia del rappresentante del Clan del Piede, mentre Tony si fa piccolo piccolo.

TZO: È quella uscita direttamente dalla Bibbia?

TNY: N-no, mio signore. È quella impazzita che blaterava sempre la stessa cosa.

Sul Titantron vengono mostrate le immagini di una cella deserta, dove sono abbandonate a terra fette di torta morsicate in maniera irregolare. Le pareti presentano le tracce di diverse craniate, mentre compaiono ovunque le scritte GEINMARFI in vernice rossa. Momento di immobilità assoluta nell'arena, tutti sono in religioso silenzio, pronti ad assistere ad una delle classiche sfuriate di TZO.

TZO: Sticazzi. Non la sopportavo più nemmeno io.

Sospiro di sollievo per Tony Nelli e per gli altri Piedisti, mentre il pubblico rumoreggia insoddisfatto.

TNY: A quanto pare la detenuta sembra aggirarsi nuovamente per le arene della TWC.

TZO: Ecco chi era quella che mi evitava nei corridoi! Sticazzi al quadrato. Si dileguasse per sempre. Io ho un compito e devo rimanere concentrato solamente su quello.

TZO si gira verso il backstage, aumentando così la pressione sulla schiena di Landi.

TZO: Esagon Jr, vieni fuori! È il momento di interrompere il tuo scellerato dominio sul nobile FootTitolo! Ti sto aspettando!

TZO scende dalla schiena di Landi e comincia a scaldarsi, in attesa del suo rivale. Nel frattempo il malcapitato spettatore viene finalmente soccorso dal fidato dottor Brooks. Su queste immagini, andiamo in pubblicità.




Up Next: TWC Footitolo Match - Esagon Jr. (c) vs. T.Z.O.

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 11/01/2019, 22:11

Ritorniamo LIVE dal Barclays Center di New York, dove TZO sta aspettando l'arrivo di Esagon Jr per dare inizio al loro match titolato.
Immagine
I Piedisti, nel frattempo, si sono posizionati a bordo ring.
ImmagineImmagineImmagine
Tony Nelli si è invece accomodato al tavolo di commento, dove Michael Campbell lo sta incalzando con varie domande.
Immagine
MC: Quali sono i piani di TZO in caso di vittoria del FootTitolo?

TNY: La cosa migliore sarebbe riportarlo nell'Abisso e cercare di catturare STENG!, oh my ged, prima che Brown ci richieda di metterlo in palio. Così potremmo finalmente ultimare la nostra missione ed esiliare per sempre dal Piano Abissale delle Ombre quel maledetto.

MC: Wow! Ma... ecco, non pensi di aver rivelato troppo del vostro piano?

Silenzio imbarazzato di Tony.

MC: Parliamo allora del tuo intervento durante il Ladder Match di Zero Hour. Quali erano le tue intenzioni? Quali reali vantaggi poteva portare la tua azione al Movimento Piedista? L'incursione era stata approvata dagli altri membri del Clan?

TNY: La mia idea era quella di mostrare la debolezza dei nostri avversari mostrando al mondo come fosse stato un Piedista ad impadronirsi per primo della cintura.

Nelli non prosegue nella risposta, Campbell alza un sopracciglio.

MC: Suppongo dalle tue omissioni che quest'azione fosse una tua iniziativa personale. Sei quindi stato punito per il tuo fallimento?

TNY: Rispondere a queste domande non rientra negli obblighi presi nel contratto di governo! Arrivederci!

Il Messo dell'Abisso abbandona la postazione, riunendosi ai suoi compari. Nello stesso momento, risuona la theme song di Esagon Jr.
Boato del pubblico!
ImmagineImmagine
Ed ecco che Esagon Jr appare sullo stage, accompagnato da Matt Wrestling. Il campione si avvia verso il ring col FootTitolo in spalla (o almeno crediamo). Mucho Rudo sale sul quadrato, mentre Wrestling lancia delle occhiate al tritolo alla ghenga di Piedisti all'angolo di TZO. Campione e sfidante vanno immediatamente faccia a faccia. TZO non è affatto intimidito ed indica con la testa la cintura sulla spalla di Esagon. Il messicano ride sguaiatamente... e la classica nuvoletta delle trasformazioni di Esagon Jr ci fa capire che il titolo è scomparso! Lo sfidante digrigna i denti, ma Mucho Rudo lo tranquillizza indicando che il FootTitolo si trova sull'altra spalla. Il Piedista gira la testa in quella direzione...
Spoiler:
Immagine
E viene colpito in pieno con la cintura, che era sempre rimasta sulla stessa spalla di Esagon Jr! Tiro mancino del campione, che si guadagna un grande vantaggio! TZO crolla a terra, mentre l'arbitro deve intervenire per placare Esagon Jr. Dopo qualche istante, lo stordito leader Piedista si rimette in piedi. Thomas Kiley può finalmente alzare al cielo il FootTitolo e decretare l'inizio ufficiale dell'incontro.
Singles Match for the FootTitolo
Esagon Jr (C) vs TZO
TZO è ancora barcollante, ma decide di lanciarsi all'attacco.
Immagine
MANDIBLE CLAW! Esagon Jr riesce ad anticipare l'avversario e lo chiude nella sua letale sottomissione! TZO è in difficolta, si mantiene a stento in piedi... ma riesce a trovare le forze per colpire il campione con un calcio all'addome e ad interrompere la presa del rivale. Mucho Rudo non ferma però la sua offensiva, andando a segno con un Dropkick che fa cadere malamente TZO, facendogli sbattere la testa contro il turnbuckle. È un'occasione perfetta per Esagon Jr, che non se la fa sfuggire: sale sul paletto e connette con la Frog Splash!
Immagine
Schienamento: 1... 2... NO! Colpo di reni di TZO! Esagon è sconvolto, il suo piano sembra non aver funzionato fino in fondo. Kiley gli ribadisce che si tratta di un conto di 2, Matt Wrestling lo incita a continuare la sua offensiva. Il messicano decide allora di risalire sul paletto e colpire con una seconda Frog Splash! No!
Immagine
TZO si rialza con un kip up, lo raggiunge e sfodera un poderoso High Dropkick! Mucho Rudo rimane stordito, seduto sulla terza corda... nuova rincorsa di TZO ed Enziguri Kick a segno! Il campione cade rovinosamente fuori ring! Lo sfidante si butta nuovamente a terra, provato per i colpi subiti: la mancanza del superpotere difensivo derivato dal possesso del FootTitolo si fa sentire per lo sfidante. Il Salvatore striscia verso le corde, attirando l'attenzione dell'arbitro su una sua presunta ferita. Questo permette a Stige e Flegetonte di attaccare ripetutamente Esagon con degli Stomp, per poi farlo rotolare di nuovo sul ring. Wrestling si lamenta con Kiley, ma l'arbitro non riesce a cogliere i Piedisti sul fatto. Nel frattempo Esagon Jr si sta lentamente rialzando e TZO lo aspetta al varco, preparandosi al GaTZO Kick con un sorriso sghembo sul volto. Esagon si gira e... MATT WRESTLING SI INTERPONE! TZO si blocca, memore dei precedenti confronti col Submission Specialist! Matt minaccia TZO di colpirlo, facendo scattare la squalifica! Lo sfidante è terrorizzato, sembra quasi pregare l'avversario di non farlo... ma viene salvato dal provvidenziale intervento di Stige e Flegetonte!
Immagine
I due dell'Abyssal Club sottopongono Matt Wrestling al Trattamento dell'Amore! La doppia Bearhug mette Wrestling KO e i nipponici infieriscono lanciandolo fuori dal ring con una Gorilla Press Slam. Kiley cerca di riportare l'ordine e fa uscire il duo Piedista dal quadrato, mentre TZO si avvicina cercando di giustificare le azioni dei suoi alleati. Mentre arbitro e sfidante continuano il conciliabolo, Esagon Jr si è portato sulla terza corda e si lancia su TZO con un Crossbody!
Immagine
No! TZO si accorge del pericolo all'ultimo istante e con una pedata riesce a portare Kiley sulla traiettoria del tuffo del campione! L'arbitro giace ora a terra, presumibilmente incosciente. Un sorriso a trecentosettanta gradi compare sul volto del Salvatore. I Piedisti invadono il quadrato pronti ad approfittare al meglio del ref bump. Stige e Flegetonte riducono Esagon Jr a malpartito, poi lo bloccano per le braccia, lasciando a TZO il compito di finirlo con il Footbeat Overdrive.

???: Fermi lì, marrani!

Una voce profonda proveniente dalla rampa attira l'attenzione di tutti, la telecamera scatta immediatamente verso il basso.
Immagine
È Roland Ernest Turner! Nel frattempo qualcuno si issa sull'apron ring alle spalle di TZO e gli batte amichevolmente la manoh sulla spalla.
Immagine
IT'S STENG!, OH MY GED. Il Piedista si gira verso il nemico, ignaro del pericolo...
Immagine
PUGNO LETALE! I Manisti stanno facendo di tutto per ostacolare i piani svelati da Tony Nelli al tavolo di commento! Ed è proprio il Messo dell'Abisso, apparentemente conscio del suo errore, che parte all'attacco dirigendosi verso RET. Nelli sembra essere convinto di potersi finalmente confrontare con un rivale alla sua altezza! Ecco che il portavoce si scaglia contro il Maestro dell'Anonimato... e viene colpito seccamente alla tempia con il microfono! Il Messo cade a terra a peso morto, completamente fuori gioco. Roland Ernest Turner osserva allibito il corpo inerme del suo rivale... per poi svenire a sua volta, evidentemente sopraffatto dall'emozione di aver steso qualcuno con le sue sole forze. Riportiamo la nostra attenzione sul ring, dove Hood sta digrignando i denti in direzione di STENG!, oh my ged. Il dottore ordina a Stige e Flegetonte di mollare la presa su Esagon Jr e di attaccare il leader Manista. L'Abyssal Club esegue e STENG!, oh my ged, scende saggiamente dall'apron, per poi darsi alla fuga passando attraverso il pubblico. I due giapponesi, per nulla scoraggiati, si gettano al suo inseguimento. Marton Hood, nel frattempo, è rimasta l'unica persona in piedi sul ring. Il dottore si accinge a continuare la sua opera di pestaggio su Esagon Jr, in attesa che TZO si riprenda. Vista la momentanea assenza del leader, Marton si concede il lusso di utilizzare le mani per rialzare Mucho Rudo ed impostare la sua Black Hole Slam... NO! Proprio nel momento decisivo Marton Hood è bloccato da...
Spoiler:
Immagine
UNA MANOH! UNA MANOH CHE LO AFFERRA PER UN PIEDEH!
Hood è costretto a mollare la sua vittima! Il dottore cerca di scrollarsi la Manoh di dosso, ma senza successo! La sua situazione peggiora nettamente quando il portale ai piedi della Manoh (KEK) si espande notevolmente e la Manoh comincia a trascinarlo verso il basso! Hood cerca di resistere e si dimena a più non posso, ma alla fine viene risucchiato dalle tenebre del Piano Abissale delle Ombre tra le grida di giubilo del pubblico. Infine, il quadrato è stato sgombrato, lasciando come protagonisti solamente lo sfidante ed il campione, che si stanno faticosamente rimettendo in piedi. Esagon Jr è il primo a partire all'attacco. TZO cerca di intercettarlo con un Big Boot, il messicano schiva e prende il rimbalzo alle corde, lanciandosi per un un Running Forearm.
Immagine
IN PEDIS MEMORIAM AL VOLO DI TZO! Lights out per Esagon Jr! L'unico problema di TZO è che Thomas Kiley non si è ancora ripreso! Il Piedista cerca di farlo rinsavire scuotendolo col piede, senza risultati. TZO è disperato, urla in direzione dell'ufficiale, sbatte i piedi a terra, ritorna a chiamare l'arbitro a gran voce piegandosi in avanti.
Immagine
Finendo per subire il Never Skip Leg Day!
Immagine
SPOONY! Spoony è qui, pronto a vendircarsi della sconfitta di Zero Hour contro TZO! Il Guru osserva soddisfatto il rivale, che giace immobile a terra e si prepara ad andarsene, orgoglioso del suo operato. Improvvisamente il Biker si blocca e getta via gli occhiali da sole, rivelando un'espressione stupita e preoccupata. Seguendo il suo sguardo notiamo...
Spoiler:
Immagine
UNA MANOH OSCURAH! La manoh viene prontamente seguita del suo proprietario!
Immagine
È Mike of the Abyss! Spoony sembra quasi disperato!
Impattante come non mai, lo Youtuber Oscuro si avvicina a passi lenti ma decisi verso il donnaiolo. Spoony raccoglie tutto il suo coraggio ed estrae un bastone dai pantaloni! Un bastone VERO eh, nessun doppiosenso!

[Le risate del Muse mi echeggiano nella testa, impedendomi di continuare]

E rieccoci qua, con Spoony che si pone esattamente di fronte alla sua nemesi e comincia a declamare con voce alta e chiara.

SPN: Non puoi passare.

Il pubblico si zittisce all'istante.

SPN: Sono un Servitore del Culo Segreto, e reggo la fiamma di Ano(r). Non puoi passare. A nulla ti servirà la tua arma oscura, toro di Youtube. Torna nell'Abisso! Non puoi passare.

Mike si blocca all'improvviso, senza tradire emozioni sul suo volto. Spoony prosegue determinato.

SPN: Tu. Non puoi. Passareeee!

Il Guru colpisce il ring con il bastone, per poi rialzare la testa speranzoso. Non succede nulla. Spoony riabbassa la testa, rassegnato al suo destino. Ma ecco che un portale abissale si apre veramente ai piedi di Mike! Mike of the Abyss viene risucchiato inesorabilmente verso il basso! Il Biker comincia a saltare sul posto, entusiasta, mentre il portale inizia a riassorbirsi. Il Guru non ha però fatto i conti con la build eclettica dell'avversario: Mike sfodera una frusta e lo aggancia per un piede, portandolo con sé nell'Abisso. Prima di scomparire nell'Ombra, Spoony guarda i redivivi TZO ed Esagon Jr.

SPN: Dileguatevi, sciocchi.

I due rimangono allibiti ad osservare la chiusura definitiva del portale, per poi ricordarsi di essere nel bel mezzo di un match titolato. Anche Kiley sembra essersi finalmente ripreso ed essere in grado di arbitrare l'incontro. TZO attacca ferocemente con una serie di calci alle gambe che stordiscono il campione. Footbeat Overdrive dal nulla! No, Esagon si abbassa e... oh, no! Il poderoso calcio colpisce in pieno Thomas Kiley! Serata sfortunata per l'ufficiale! TZO si mette idealmente le mani nei capelli, disperato. Nel frattempo, nella parte alta dell'arena ricompaiono STENG!, oh my ged, Stige e Flegetonte, impegnati in una lotta serrata. Attenzione! Un'altra figura compare a bordo ring, sbucando da sotto il quadrato!
Immagine
È Marton Hood, sfuggito dalla trappola abissale! Il dottore incita l'Abyssal Club, che riesce a mettere momentaneamente fuori gioco il leader Manista mandandolo a sbattere contro una parete. Ora Hood invita i suoi servitori a raggiungerlo a bordo ring... PER POI ORDINARE LORO DI ATTACCARE TZO! COSA? SCIOCCANTE TRADIMENTO DI MARTON HOOD! I giapponesi si dirigono con fare minaccioso verso il loro ex capo, che sbarra gli occhi guardando in direzione del dottore!
Immagine
Dottore che si rivela in realtà essere Esagon Jr! TZO cerca in tutti i modi di spiegare l'inganno ai giapponesi, che non lo ascoltano. Nessuno può salvarlo!
Immagine
Todd Hennigan! Il più anonimo degli ufficiali TWC fa il suo ingresso in scena, frapponendosi tra TZO e l'Abyssal Club! Hennigan prende in mano la situazione... e caccia Stige e Flegetonte da bordo ring! Sospiro di sollievo per TZO! Esagon Jr si dispera, osservando Matt Wrestling ancora inerme ai suoi piedi. L'ufficiale intima al campione di ritornare sul ring ed il mascherato esegue con riluttanza. Nel frattempo, Hennigan deve continuare ad occuparsi dell'Abyssal Club, che continua a sostare a bordo ring cercando di adempiere l'ordine a loro assegnato da Esagon/Hood. I loro continui tentativi di rientrare in azione costringono l'ufficiale a voltare le spalle ai due contendenti sul quadrato... ed è in questo momento che Esagon Jr scatta all'attacco!
Spoiler:
Immagine
Colpo col FootTitolo! Colpo col FootTitolo! Nessuno si era ovviamente accorto che avesse la cintura in mano! Mucho Rudo getta il titolo fuori dal ring e richiama Hennigan, che non può immaginare cosa sia successo! Schienamento di Esagon: 1... 2... 3! Esagon Jr mantiene grazie all'ennesimo tiro mancino!

JR: The winner of this match AND STILL FootTitolo Holder: Eeesaagooon Juunioooor!

Esagon Jr festeggia, al settimo cielo, mentre il replay ci mostra come Matt Wrestling abbia usato le sue ultime forze per strisciare ai piedi di Esagon Jr e consegnargli la cintura invisibile. Grande astuzia da parte dei due alleati! Nel frattempo, Stige e Flegetonte sembrano finalmente aver capito di essere stati gabbati: i due cominciano a piangere disperati, abbracciandosi. Mucho Rudo continua ad esultare come un pazzo, chiedendo all'arbitro di riportargli il FootTitolo. Hennigan scende dal ring per eseguire la richiesta... ma si accorge che STENG!, oh my ged, ha appena raccolto il FootTitolo da terra. Per la prima volta dalla sua creazione, il leader Manista ha effettivamente toccato la cintura in cui è stato trasformato l'Oggetto. Per qualche secondo, STENG!, oh my ged, osserva alternativamente la cintura, Esagon Jr e l'arbitro. Infine, consegna l'alloro ad Hennigan, scuotendo la testa ed andandosene passando in mezzo al pubblico. Hennigan risale sul quadrato e consegna la cintura al messicano che la alza al cielo. Si conclude così questo pazzo incontr- COSA?
Spoiler:
Il pianto disperato di un neonato invade l'arena! Le urla raggiungono un volume sempre più alto! Gli spettatori si guardano intorno cercando la fonte di quel rumore... E LA INDIVIDUANO NEL FOOTTITOLO! IL FOOTTITOLO STA PIANGENDO! Esagon Jr, stordito dal rumore assordante, lascia cadere a terra la cintura! Le immagini ci mostrano che STENG!, oh my ged, si sta di nuovo precipitando verso la zona del ring...
Immagine
Doppia Clothesline di Stige e Flegetonte! Il Manista viene scaraventato a terra! L'Abyssal Club si gira verso TZO, che è ora di nuovo in piedi sul ring. Sotto l'incessante urlo del FootTitolo, TZO ha incitato i suoi sgherri a fermare STENG!, oh my ged, ed ora si prepara ad attaccare anche Esagon...
Immagine
GaTZO Kick! Esagon Jr crolla a terra... e TZO lo schiena! Che cosa? Hennigan si muove meccanicamente verso TZO ed Esagon... l'arbitro comincia a contare lo schienamento! 1... 2... 3! Il FootTitolo smette improvvisamente di piangere! Ma cosa sta succedendo? Hennigan recupera a tentoni la cintura invisibile e la porge al leader Piedista, che se la fa chiudere attorno al collo. L'ufficiale scende poi fuori dal ring ed intima a Jessica Rose di annunciare qualcosa. La Rose, perplessa, cerca di rifiutarsi, ma l'arbitro insiste, costringendola ad eseguire.

JR: The winner of this match AND NEEEW FootTitolo Holder: T-Z-O!

COSA? Abbiamo appena assistito ad un legittimo cambio di titolo? TZO, portato in trionfo sulla rampa sulle spalle di Stige e Flegetonte, esulta in maniera furibonda, scalciando e tirando testate al vuoto. Una volta completato l'annuncio della Rose, il FootTitolo diventa nuovamente visibile, riprendendo la sua classica forma con la placca a forma di piede ben in vista. Dopo questo incredibile colpo di scena, andiamo veramente in pubblicità!



Up Next: Viola Vixen

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 11/01/2019, 22:12

Bentornati ad Indoor War, live da New York! Il ritorno a casa fino ad ora è stato dolcissimo, e la serata promette solo di migliorare. E, parlando di cose dolcissime, le telecamere inquadrano Viola Vixen, che sta camminando claudicante nel backstage.
Immagine
La lottatrice, appoggiata al suo bastone da passeggio, indossa una felpa bianca degli Watchmen con la zip e il cappuccio, che tiene sulla testa, e la frase "We are Watching" stampata in nero sulla schiena e un paio di jeans. Viola ha le unghie delle dita delle mani smaltate di bianco, escluso l'anulare della mano sinistra, che è invece smaltata di arancione, e sta masticando distrattamente un bastoncino di liquirizia, gli occhi verdi che si guardano attorno attenti. Come sempre, il backstage è leggermente restio ad incrociare gli occhi con la lottatrice, che viene lasciata sola dalla maggior parte degli addetti. Improvvisamente la ragazza si ferma, osservando una figura davanti a sé. La Vixen sospira, chiudendo gli occhi.

VV: Salve Elektra.
Immagine
La greca, in un top bianco con delle gocce di sangue stampate sopra, e jeans a vita alta dello stesso colore, alza gli occhi dallo smartphone e vede Viola, accogliendola con una smorfia della bocca.

ELK:Salve, Viola. E' da molto che non ci si vede.

La Vixen rimane in silenzio per un secondo.

VV: Già. Potresti per favore spostarti? Stai occupando tutto il corridoio, e dovrei passare.

La greca alza un sopracciglio stizzita per poi spostarsi di lato. Con un gesto plateale indica la strada libera e va verso la direzione opposta, riposando lo sguardo sullo smartphone.

VV: Non è di tua proprietà, sai?

Elektra blocca lo smartphone, fermandosi, e sospira. Fa inversione e va sotto la faccia di Viola.

ELK:Stai cercando di convincermi ad infilarti quel bastone in posti molto bui? Perché ci stai riuscendo.

VV: Immagino ti piacerebbe. No, ti sto solo chiedendo di non occupare uno spazio che non è tuo.

Lady Macbeth si avvicina ancora di più a Viola, incarognita.

ELK:Dovevi passare e ti ho fatto passare, hai altri futili motivi per cui lamentarti? Non dovevi andare da qualche parte? Allora sloggia.

VV: Ti ha fatto bene il ritiro, vedo.

ELK:Anche per te non è stato un toccasana questo anno sabatico. Secondo me hai anche preso qualche chilo.

VV: In realtà per tua informazione sono dimagrita.

La Vixen aggrotta la fronte.

VV: Non mi sei mai piaciuta, Elektra Kellis. Ci ho provato ad apprezzarti, non credere, ma non ci sono riuscita.

La greca sbuffa.

ELK:Beh, vai a farti fottere. A me eri iniziata a piacere un pochino, invece, tempo fa. Non preoccuparti però, è da molto tempo che sei tornata in fondo alla mia scala di apprezzamento. E lo sai cosa mi dà più fastidio? Che vorrei dirti di tornare in quel buco in cui ti sei nascosta un anno, che non c'è bisogno di te, ma purtroppo non è così. Questa divisione in questo momento non può fare a meno neanche di quella stronza di Bev.

Elektra punta un dito verso Viola.

ELK:E a proposito, ti avevo avvertito su di lei.

Viola ridacchia.

VV: Quasi mi aspetto tu mi dia una mazza con del filo spinato.

La Vixen torna seria.

VV: Me lo ricordo, quando hai provato a dirmi che mi rispettavi, dopo avere sputato sul mio di rispetto, solo e soltanto per la persona che amo.

Viola socchiude gli occhi verdi in una fessura.

VV: Io non mi lascio andare, Elektra Kellis, non mi fermo perché mi succede qualcosa. Rifarei esattamente tutto quello che ho fatto nella mia vita. Non mi taglio le vene perché una persona mi fa del male. Non sono sicura si possa dire lo stesso di te, giusto?

Elektra si passa la lingua sul labbro superiore, sorridendo.

ELK:Io una settimana dopo essermi tagliata le vene ero di nuovo a spaccare il mondo sopra il ring, tu invece sei scomparsa nel nulla per un anno. Non mi sembri così instoppabile.

VV: E poi ti sei ritirata. Io mi sono presa il mio tempo, e sono ancora qui. Quanto è durata la tua carriera da lottatrice? Cinque anni? Sei?

Elektra scuote la testa.

ELK:Mi aspettavo un po' più di acume da te. Razza di idiota, pensi che mi sia ritirata di mia spontanea volontà? Ed io ho fatto più in cinque anni di carriera che tu possa fare in venti.

VV: Non sono ancora a venti, ma ci arriverò, probabilmente. E sì, forse non lo hai compreso, ma è questa la differenza che c’è fra me e te. Tu sei stata costretta a ritirarti, io no. Ne ho viste mille come te, sfruttare il proprio corpo oltre al limite per un pezzetto di gloria, e finire la loro carriera in un attimo. Serve ogni ragazza in questa divisione perché tu ti sei premurata di distruggere il tuo fisico e costringere le altre a fare lo stesso.

Viola si guarda le unghie.

VV: So i miei limiti, Elektra Kellis, e questo mi rende una lottatrice migliore di te, anche se non lo capirai mai. Perché io posso fare ancora qualcosa di utile, per questa federazione.

Elektra rolla gli occhi in alto.

ELK:Complimenti, hai dato il tuo irrilevante parere uguale a quello di ogni idiota con un account twitter senza la minima cognizione o rispetto per quello che ho fatto. Se io sono giunta a questi limiti è perché avevo una divisione da portare avanti mentre tutti i codardi come te se ne andavano. Ne riparleremo quando ti troverai quasi da sola a trascinare un'intera divisione, fino a quel momento stai zitta.

Viola sospira.

VV: Se avessi portato sulle spalle quante divisioni femminili ho trascinato io ora saresti gobba. E sei tu a giudicare senza conoscere, come hai sempre fatto. Hai dovuto cercare di rubare spazio anche nel Main Event che non ti competeva, perché ti ritieni tanto importante, ma non la sei. La prossima volta fai un favore a tutti, e resta nel backstage. Magari riuscirai anche a non farti male.

Elektra sbuffa.

ELK:Tipico di chi non ha avuto alcun successo qui vantarsi dei loro mirabolanti successi compiuti altrove. Te l'ho già detto una volta, quando eri la sfidante al mio titolo, di provarmi quello che riesci a fare qui dentro. Fino ad ora sembra che la situazione non sia cambiata, vediamo adesso.

VV: Esatto, vedremo. Ora spostati. A differenza tua, sono qui per mettere a posto le cose, e non solo per aiutare mio marito a vincere titoli scorrettamente. Non ho tutto questo tempo.

Elektra fissa Viola negli occhi, senza spostarsi, per alcuni secondi, per poi lasciarle uno schiaffo sulla guancia.

ELK:Questo è anche per Lucy, se la rivedi, ma principalmente per te, disgustosa testa di cazzo. Adesso ti lascio libera di giocare ai power rangers, non preoccuparti.

La greca sblocca il telefono mentre si lascia Viola alle spalle e continua a camminare. Viola si sistema i capelli, poi riprende a camminare, fino a che non trova una figura seduta su un cassone della produzione. La Vixen si ferma, facendo un mezzo sorriso, e avvicinandosi.
Immagine
Alice Angel, braccio destro fasciato e cuffie in testa, non si scompone, rimanendo a guardare il proprio telefono dopo aver lanciato un'occhiata di sottecchi a Viola.

VV: Ti spiace se mi siedo lì?

Alice fa spallucce. La Vixen annuisce, sedendosi vicino a lei. Viola rimane un secondo in silenzio, poi sospira.

VV: Hai voglia di parlare?

AA: Non credo.

VV: Posso comunque?

La Angel scuote leggermente la testa, respirando profondamente.

AA: Fai quello che vuoi.

Viola prova di nuovo a sorridere.

VV: Ci sono cose che vanno dette, ed io ti devo chiedere scusa.

AA: Non ti preoccupare. Non mi hai rotto tu il braccio.

VV: Ma non ci sono stata, in questo periodo. Ho lasciato che il mondo mi allontanasse da te.

AA: Eh.

Alice arriccia un angolo della bocca.

AA: Un modo particolare per dire che te ne sei andata.

VV: Vero, ma sono qui, per provare a recuperare.

La Angel sospira.

AA: Ho paura che sia troppo tardi, Viola. A meno che tu non possa ridarmi il mio titolo o aggiustarmi il braccio, direi che c'è poco da fare per te qui.

VV: Non sono qui per parlare di wrestling con te, Alice. So di aver sbagliato, e sono qui per rimettere a posto quello.

L'ex-campionessa scende dal cassone.

AA: Fidati, meglio di no.

Viola si alza a sua volta, cercando di afferrare Alice per una spalla.

VV: Aspetta, ti prego.

La Vixen sfiora la spalla della giovane e-
Immagine
ALICE LA STENDE CON UN SUPERKICK! Viola crolla a terra, sbattendo contro il cassone su cui era seduta, ed Alice quasi cade per lo squilibrio, dato che ha un braccio fasciato al collo. La giovane guarda Viola, che si è tagliata e sta sanguinando dalla tempia, per terra con occhi sbarrati e inizia a tremare.

AA: P-Perché l'hai fatto?!

La ex-campionessa si mette la mano libera fra i capelli e fa un passo verso la Toxic Avanger, come a volersi accovacciare per aiutarla, ma poi indietreggia inorridita.

AA: Devi starmi alla larga... devi lasciarmi in pace. Ti prego.

Detto ciò Alice, a passo svelto, si allontana. Viola cerca di rialzarsi, ma poi si appoggia con la schiena al cassone. La lottatrice rimane un istante ferma, le mani sul volto, fino a quando non si rialza, appoggiandosi al suo bastone da passeggio. A questo punto prendendo un fazzoletto, che si appoggia sulla testa per non sporcarsi, si incammina di nuovo, tirando su con il naso. E sulle immagini della lottatrice che si allontana, noi andiamo in pubblicità. Non cambiate canale.




Up Next: Malaquias

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 11/01/2019, 22:20

Le immagini ci mostrano il backstage di questa nuova puntata di Indoor War direttamente dal Barclays Center di New York per la prima di quattro puntate della TWC qui a New York city . Siamo dentro uno spogliatoio dell'arena.
ImmagineImmagine
Il Mesanjero de Dios, aka Malaquias, e il suo fido scudiero Josuè Jimenez in arte JJ sono inquadrati dalle telecamere all'interno dello spogliatoio. I due stanno discutendo animatamente con Malaquias molto sconsolato.

MLQ: Ho letteralmente sprecato questo ultimo mese..

JJ cerca di consolarlo inutilmente.

JJ: Non tutto è da buttare..

Malaquias alza lo sguardo e guarda con un sorriso a trentadue denti l'amico.

JJ: Cosa c'è? Hai avuto una visione del futuro?

Il Mesanjero de Dios rimane in silenzio con il sorriso stampato in faccia

JJ: Cosa dovrebbe rappresentare quel tuo sorriso?

JJ incapace di comprendere l'amico rimane in silenzio.

MLQ: Non capisci?!? Hai ragione a pieno. Questo mese non è andato sprecato. Sono rimasto tutto questo tempo a rimuginare. A capire dove ho sbagliato. E tutto ciò l'ho fatto da solo.

JJ si concentra sul discorso dell'amico

JJ: Eh scusami. Sai che ho avuto da fare. Con la faccenda della tintoria dei Jefferson.

Malaquias scuote la testa e si avvicina all'amico.

MLQ: Quale tintoria? Guarda lascia stare. Non voglio saperlo. Sto parlando del mio cammino in TWC. Finalmente sono da solo. Nessun compagno da guardare. Nessuna persona da controllare.

Malaquias dà un'occhiata nello spogliatoio e continua, rivolgendosi a JJ.

MLQ: Il 2019 è un nuovo anno. Un nuovo inizio. E ti assicuro che sarà un anno con i fiocchi. Non dove andrò. Non so cosa farò. Ma ti assicuro che nessuno si scorderà di me alla fine.

Il messicano si volta ed apre il borsone mostrando all'amico.

MLQ: Vedi? Non molto tempo fa eravamo in uno spogliatoio simile. Ed ero qui a mostrarti la cintura. Ciò che rappresentava. La frustrazione del campione. Di un campione che non si è mai ritenuto tale. Ma adesso tutto è cambiato. Non ho più quel fardello. Non ho più quel peso.

Il Mesanjero de Dios richiude la borsa e con molta soddisfazione apre la porta dello spogliatoio per uscire seguito dal fido scudiero.
Immagine
Red mist in faccia a Malaquias!!
Immagine
Ovviamente il colpevole è Damien visto che è solito usarlo e subito lancia Malaquias contro Josuè, che stava cercando di attaccare il Diavolo, con i latini che finiscono di nuovo nello spogliatoio seguiti subito dal Lucifer che subito chiude la porta per non far entrare nessuno e poi si avventa contro di loro colpendoli con calci e pugni fino a quando non nota una sedia accanto a lui, l'afferra e la usa per colpire numerose volte i due malcapitati sulla schiena o sul petto. L'ex campione di coppia afferra poi Josuè, gli sorride in faccia e poi lo stende con l'Apocalypse su una delle panche spezzandola a metà.
Immagine
Damien ride e poi si volta contro Ortiz ancora a terra.

D: Non penserai mica che lasci godere a pieno il divertimento al tuo amichetto lasciandoti senza, no c'è ne anche per te.

L'Anti-Christ di conseguenza afferra Malaquias, sorride anche a lui prima di stenderlo, a differenza di Josuè, con la Lucifer su una seconda panca spezzando anche quella.
Immagine
Il Diavolo si inginocchia vicino a Malaquias e lo prende per i capelli.

D: Te l'ho detto che anche tu saresti goduto in pieno il divertimento, sono un demone di parola io. Oggi mi sento anche generoso e ti rivelo subito il motivo del mio giocare con te. Prima di Zero Hour nella mia mente contorta balenava l'idea di tornamene all'Inferno, non per sempre ma solo una piccola pausa, sentivo che dovevo ricaricarmi ma poi è successo uno di quei classici eventi che cambiano i piani: il ritorno di Andy Moon o meglio Andy Scrull. Mi ero ripromesso che passato Zero Hour sarei sparito per un po' ma le cose sono cambiate, l'aver battuto il figliol prodigo, l'aver ottenuto una vittoria importantissima nel mio peggior momento mi ha donato la voglia di continuare, nuova linfa vitale.

Damien ora gira la testa di Ortiz come se volesse che lo guardasse.

D: Dopo quel momento mi sono ripromesso che il 2019 di Damien è un anno dedito a uno dei sentimenti più belli e splendenti che ci possano essere: la vendetta. Passerò il mio anno a vendicarmi di chi mi ha ostacolato e tu Malaquias sei il primo della mia lista, perchè vedi tu mi hai portato via il titolo di coppia rappresentando uno dei vari ostacoli e di conseguenza è giunto il momento di pagare per i tuoi peccati.

La testa di Malaquias viene ora sbattuta a terra mentre Damien si dirige verso la porta, la apre, esce e si incammina fino a quando non trova il primo tizio che passa di lì.

D: Và a chiamare dei dottori, mi sa che Malaquias Ortiz e Josuè Jimenez abbiano bisogno di cure mediche.

Mentre il tipo si dirige perplesso in direzione dello spogliatoio dei latini l'inquadratura si sofferma sul primo piano del ghigno diabolico di Damien.




Up Next: Beverly Bailey

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 11/01/2019, 22:21

Gioite... Finchè potete, perché l'abominio è arrivato, l'anticristo della divisione femminile fa la sua entrata mentre risuona la sua theme nell'arena!


Immagine
Ride a squarciagola nell'osservare il pubblico odiante. Un gilet di jeans sopra una felpa con zip grigia, aperta, che lascia intravedere un reggiseno sportivo al di sotto. Jeans strappati sulle gambe, sul retro del gilet vi sono ricamate in rosso le parole Anti e cristo in cima e in fondo, intramezzate da una cintura sanguinante. Quella cintura che tiene in basso, stretta nella mano. La lascia strisciare per terra e la alza in faccia al pubblico accompagnando con un dito medio. La sbatte in faccia ai fan in prima fila, la fa ammirare per bene per poi lanciarla lontana verso il ring. Ancora più fischi mentre lei continua a ridere percorrendo la rampa. Raggiunge la cintura pestandola e strofinandovi il piede sopra. La raccoglie, va verso il lato del ring per poi chiudere un occhio e prendere le misure osservando il tavolo di commento. Afferra la cintura come una palla da baseball e la lancia nuovamente, facendola atterrare sopra al tavolo, esultando. Corre di nuovo dietro la sua cintura, sorridendo ad Hikari Stern. Recupera un microfono, la cintura e poi va verso il ring... Ma poi cambia idea e si siede sopra il tavolo dei commentatori, mettendoli in forte disagio, specialmente Hikari Stern.

BB:Bene, bene, bene...Finalmente le cose girano nel verso giusto da queste parti, eh? Penso proprio che questa sera vi parlerò da qui. Voglio sentire per bene i tuoi pensieri al riguardo della tua nuova campionessa, Hikari. Ho sentito qua e là parole cattive da parte tua e questa sera volevo controllare per me. Ma bando alle ciance, ignobili scarafaggi: the champ is here!

Beverly alza in aria la cintura per poi aprire la mano e lasciarla cadere a terra.

BB:Ho fatto esattamente quanto promesso. Ho mandato all'inferno il vostro angioletto, le ho spezzato l'ala e mi sono portata a casa un po' di bling bling. E proprio questa sera avevo intenzione di ficcare l'ultimo chiodo nella bara di questa lurida divisione marcescente, distruggendo in mille pezzi questa orribile cintura e chiudendo per sempre la divisione femminile. Non ha più senso continuare ora che comando io il forte, tanto vale dichiarare game over. Ma...

Beverly tossisce, con un'espressione preoccupata, ponendosi una mano sul petto e raschiando la gola.

BB:Scusate, sapete com'è la stagione, mi sono un po' raffreddata e...

Raschia di nuovo la gola, a fondo, per poi far calare addosso alla cintura sotto di lei un lungo filo di bava, attirandosi il disgusto e l'odio di tutti. Si pulisce la bocca sorridendo.

BB:Adesso va molto meglio. Dicevo: sfortunatamente non hanno tutti il mio acume, e le luride teste che governano questa federazione hanno ben deciso di prolungare l'agonia invece di staccare la spina. Così hanno deciso di indire un match per trovarmi una sfidante, senza avere la cazzo di decenza di passarmi l'idea. Forse un pochino furbi lo sono, perché altrimenti col cazzo che avrei accettato. Questa divisione dovrà sparire, mettetemi i bastoni tra le ruote quanto volete, non servirà a nulla. In fondo guardate il livello infimo delle partecipanti.

Bev scuote la testa.

BB:Abbiamo due reiette, probabilmente scappate da un manicomio, che hanno la fortuna di esordire in questa divisione comatosa e trovarsi una possibilità di andare per il titolo al loro patetico esordio. Ma dall'altro lato non andiamo meglio, abbiamo...

Beverly si ferma un attimo. Sembra andata in black out, dopo qualche secondo di buio scende dal tavolo, rivolge la faccia ad Hikari.

BB:Abbiamo quello zimbello di Jessica Morton, la ruota di scorta delle Sick Chicks, la donna principalmente conosciuta per la fonte di imbarazzo che lei ha costituito insieme a Krakatoa e quei due assurdi essere che si ostinava a trascinare dietro. Credo che in tutta la sua carriera qui non abbia mai avuto un pinfall vincente, neanche stasera! Vi rendete conto? Si è trovata ad elemosinare una shot perché troppo incapace di ottenerla con le sue sole mani!

La campionessa punta un dito contro Hikari.

BB:Questo è il livello di competizione che mi offrite? Perfetto, non vedo l'ora di far sparire dalla faccia della terra questa zavorra e farla scappare come Alice, facile come rubare le caramelle a un bambino. Sappiate però che da questo coma non ci si sveglia, dopo Jessica non è rimasto più nessuno, ed a quel punto staccherò la spina. State attenti a quello che fate per impedirmelo, non vorrei che delle persone innocenti ci rimettessero per una sciocchezza!

Beverly avvicina la mano verso la commentatrice, toccandole il braccio infortunato, lei si ritrae immediatamente in preda ai brividi.

BB:Come va con il braccio, dolcezza?

Lei gli fa l'occhiolino.

BB:Odiate e minacciate quanto volete, non potete farmi nulla, adesso comando io e non vi è rimasta alcuna via d'uscita. Prima o poi imparerete ad accettarlo. Siete tutti le mie puttane, non dimenticatelo mai e poi mai.

La rossa lascia cadere il microfono, mantenendo lo sguardo fisso su Hikari, ridendo. Fa il giro del ring, in molti le fanno notare la cintura lasciata a terra, lei si volta un attimo... E continua a percorrere la rampa, scrollando le spalle! Abbandona la cintura per terra! Scompare nel backstage mentre le immagini si concentrano sulla povera cintura insozzata e abbandonata, tempi molto bui la aspettano! Chissà se troverà mai la luce?




Up Next: ?????

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 11/01/2019, 22:22

Delle lanterne di carta rossa illuminano un tempio altrimenti buio. Nel centro della stanza è visibile, seppur flebilmente, la silhouette di un uomo intento a meditare: inginocchiato sulla pavimentazione in legno, calibra con precisione ogni respiro; non indossa altro che una tunica rossa, la quale va in contrasto con la chioma nera.
Immagine
???: Equilibrio. È questa la chiave.

L’inquadratura riprende sequenze di combattimento in un dojo.
Immagine
???: Restare imprigionati in un solo schema è limitante per il corpo così come per l’anima. Per questo motivo ho attraversato l’intero continente, apprendendo ciò che ogni scuola avesse da insegnarmi.
Immagine
???: È la determinazione ad avermi guidato in questo percorso, mentre la perseveranza mi porterà a superare i miei limiti, qui in TWC.
Immagine
YLX: Voi sapete già chi è Yì Lì. Sono solo qui per mostrarlo. A voi e ad Ithaqua.

Fade to black.




Up Next: THE MAIN EVENT

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 11/01/2019, 22:30

Il Barclays Center di Brooklyn è gremito in tutti gli ordini di posto, pronto per quello che sarà il primo main event delle puntate che ospiterà di Indoor. Come si può notare il ring è stato riempito con palloncini di color oro e bianco per l'occasione. Il mat è stato cambiato dal solito bianco al rosso da cerimonia. Tutto pronto quindi per l'incoronazione del nuovo campione dei pesi massimi TWC.
Immagine
Ed eccolo apparire sullo stage, in completo tutto bianco, cintura alla vita e sguardo fermo. Sanshkin discende la rampa con calma, prendendosi tutto il clamore del pubblico e ringraziando ogni fan che gli sta tributando una piccola standing ovation. Arrivato sul ring i pyros esplodono alle sue spalle, mentre un pioggia di coriandoli oro e bianco piove dal cielo. Il 2019 inizia nel segno del dragone come dimostra un'inquadratura fugace sui palloncini, marchiati con il segno del drago. Jessica Rose pone un microfono al campione, che la ringrazia e le sorride. Ora il World Heavyweight Champion si posiziona al centro del ring, osserva la gente che continua ad acclamarlo e infine prende la parola.

SHK: Buonasera signori e signore. Benvenuti nel nuovo anno della TWC, benvenuti nell'anno del dragone!

L'ex Dragon Kid sorride a favore di telecamere, mentre il pubblico lo applaude.

SHK: Prima di iniziare il mio vero discorso fatemi dire una piccola cosa: Last Christmas è una delle peggiori canzoni natalizie al mondo. I negozi la mandano in loop per tutto il periodo facendoci venire la nausea.

Il pubblico resta per un attimo interdetto, ma il dragone ride in camera quasi a voler far capire che è tutto uno scherzo.

SHK: Dai su, facciamo i seri qui qualcuno se la prende.

Sanshkin si porta al centro del ring, solleva con calma il titolo di campione dei pesi massimi della TWC e schiarendosi la voce dice.

SHK: Signori e signore, ragazzi e ragazze di tutto il mondo, TWC Universe che ci seguite da tutto il mondo conosciuto. Adetti ai lavori, telecronisti, giornalisti, social-media manager. Io sono Sanshkin! E SONO IL VOSTRO NUOVO CAMPIONE DEI PESI MASSIMI.

L'ex Wolves of Winter lascia scendere il titolo con calma, mentre il pubblico lo acclama e urla il suo nome a gran voce.

SHK: Scusatemi, era più una mia richiesta personale che una vera presentazione. Penso che se non l'avessi detto qui stasera non c'avrei creduto. Sono stato con l'ansia che la mia vittoria venisse ribaltata qui questa sera. Che uscisse Brown a dirmi che c'aveva ripensato e che il Medal of Honor andava sfruttato in un match sancito prima. Ho pensato che Murdock salisse su questo ring e mi portasse via questo splendido oggetto. Che arrivasse Keenan a chiedermi un rematch e lo vincesse. Che dal nulla spuntasse fuori Leon Black o Kevin Manson o Sigfried Jaeger o Nick Carroll o Andy Scrull.

Il campione si ferma, prende la cintura tra le mani e la osserva come se fosse l'oggetto più pesante e bello mai stato concepito dall'uomo.

SHK: Non è forse questa la cosa più bella che avete mai visto al mondo? Quanto sarà passato dalla prima volta? Tre anni e mezzo? Mi ricordo quella semifinale di Night of Gold contro Leon Black, mi ricordo il match a quattro con Murdock, Manson e Black. Mi ricordo il match contro Keenan l'anno scorso ad Alpha Horizon. Ricordo altrettanto bene i due ledder match per il Medal of Honor che perso contro Andy e Fred. Ho segnato tutti questi match nella mia mente e li ho portati dentro di me come un fardello.

L'ex Michael Edwards sposta il suo sguardo verso il pubblico.

SHK: Posso aver perso la retta via in questi tre anni e mezzo, posso aver perso match, trovato maschere, stretto amicizie sbagliatte, combattuto contro diversi beniamini del pubblico. Ma tutto questo mi ha portarto qui quest'oggi e io sono più che contento di stringere tra le mie mani questo titolo e avere voi ad esultare qui con me. Perché io sono il nuovo campione dei pesi massimi della TWC!

Sanshkin alza il titolo al cielo, il pubblico festeggia.
Parte la theme song di Big Black Boom! Sanshkin si gira verso lo stage e rimette il titolo in spalla.
Immagine
Il pubblico accoglie con un forte applauso il mascherato, che si presenta già munito di microfono e sale sul ring rotolondo sotto la corda più bassa. Rimessosi in piedi, Boom va faccia a faccia con Sanshkin, causando qualche attimo di sgomento.
Immagine
Per poi abbracciarlo e scatenare altri applausi! Bella scena sul ring fra i due fratelli. Dopo qualche secondo, Boom si stacca e prende la parola.

BBB: Non sono stato gentile con te, poco fa. Ho ancora in testa quello che è successo a Zero Hour. Da allora non ho potuto pensare ad altro, la mente tornava sempre a James Devil e a ciò che ha detto. Neanche io so se voglio esserti amico, non so neanche cosa voglia dire avere un fratello. Ma i complimenti, in questo caso, sono d'obbligo. Sei il nuovo campione del mondo, meriti tutta la gloria, tutta la gioia che questo momento può darti.

Applauso del pubblico.

BBB: Penso che ci siano almeno tre persone poco contente per tutto questo. Una è l'ex campione, Jack Keenan, una è l'altro ex campione, quello a cui hai distrutto il momento più importante della carriera, Lance Murdock: ma credo che loro non si faranno pregare per avere il loro rematch. L'altra persona è James. Lui si è dileguato dopo Zero Hour, proprio da questo ho capito come il suo unico scopo, la sua essenza, sia la distruzione. È arrivato, ha distrutto, se n'è andato. O almeno è quello che pensa. La verità è che ha creato molto più di quanto ha distrutto.

Boom guarda negli occhi Sanshkin.

BBB: Ha creato un campione. Ha creato quella voglia, quel sentimento di rivalsa, che in poche ore hanno preso il sopravvento su di te e ti hanno permesso di trovare il coraggio di incassare il Medal of Honor, di vincere quella cintura. Ma non ha creato solo questo.

Triple B prende una pausa.

BBB: Ero distrutto dopo quello che ha detto James. Sapere che qualcun altro ha vissuto la famiglia che poteva essere mia, è stato un colpo enorme, una pugnalata. Ma ho reagito. Anche io sento voglia di rivalsa. Il vecchio me ti avrebbe attaccato ora, preso a testate, avrebbe alzato la cintura mentre il suo stivale schiacciava la tua testa, giusto per mandare un messaggio chiaro e coinciso. Ma non è quello che voglio fare. Io ti ho battuto, Sanshkin. Ti ho battuto la stessa sera in cui sei diventato campione. E penso di poterlo fare ancora.

Boom poggia una mano sulla cintura di Sanshkin.

BBB: Hai accettato la sfida di James, il mese scorso, ti ha portato ad avere questa. Accetta la mia: difendila contro di me.

Ad appaluadire Big Black Boom, questa volta ci pensa però Sanshkin, che sorride alla richiesta del fratello.

SHK: Proviamo a fare un giochino. Pubblico di Brooklyn, cosa voreste vedere ad Alpha Horizon? Uno scontro tra me, Murdock e Keenan oppure una lotta fratricida tra me e BBB?

Il pubblico inizia ad urlare a gran voce il nome di Big Black Boom, ponendo immediatamente fine al sondaggio richiesto da Sanshkin.

SHK: Mi sembra abbastanza palese, ciò che il pubblico vuole e cerca. Il punto però, sfortunatamente, è un altro. Cioè che Murdock ha già richiesto di poter ottenere il suo rematch contro di me. Ora, io non sono un para-legale, quindi non conosco molto bene le leggi che permettano a Murdock di richiedere tale clausola. Vero che è de facto l'ex campione, ma lo è stato per un paio di minuti, ritengo sia ingiusto permettergli di avere un match, che non gli spetta. Per Keenan, invece, il discorso mi sembra un po' più complesso. Il suo rematch dovrebbe essere con Murdock, ma Lance ha perso il titolo contro di me.

Il campione dei pesi massimi TWC fa una pausa ed osserva il pubblico e BBB, nel tentativo di far comprendere al meglio il suo ragionamento, un po' contorto.

SHK: Ora, io non ho potere decisionale sui miei sfidanti, per quanto mi piacerebbe essere come qualcun altro, che tempo addietro si diverti a sfidare tutto il roster. Quindi facendo un po' di calcoli e mettendoci un po' di legali in mezzo, penso che sì. Ad Alpha Horizon il match per il titolo sarà tra me e te, mio caro Big Black Boom...

Ma... Un collegamento video dal titantron mostra Lance ed Elektra Murdock che aggrediscono dei membri della security!!
Immagine Immagine
Lance, in gilet e cravatta color oro sopra pantaloni e camicia nera, fede al dito. Elektra, top bianco con delle gocce di sangue rosse e pantaloni uguali, fede al dito e mazza spinata in mano. Il diavolo continua ad avanzare prendendo a calci e pugni gli uomini che lo trattengono, Elektra si fa strada con la mazza ricoperta di filo spinato. Arrivano fino alla gorilla position, dove i vari addetti si alzano spaventati dal caos. Guardano in camera, seri come mai visti prima, e passano attraverso le tende mentre delle note classiche si diffondono nell'arena: il trillo del diavolo di Tartini!
La coppia fa la sua apparizione sullo stage in un boato della folla. Si scambiano uno sguardo e si dirigono a passo spedito verso il ring. Recuperano due microfoni e salgono nel ring.

LM:Fermi tutti, sono finito nel mondo di Bizarro o avete tutti perso completamente la testa? Voi state applaudendo quest'uomo.

Murdock punta il dito contro Sashkin.

LM:State applaudendo questo ladro. Questa nullità che è riuscito a guadagnare qualcosa soltanto strappandolo dalle braccia di un cadavere dopo mezz'ora di match estenuante. Questa è la persona che state applaudendo? Questa è la grande impresa che state elogiando? Ma mi sorprende soprattutto la reazione di quest'altro disgustoso individuo.

La coppia si avvicina verso Boom.

LM:Big, Black, Boom. L'uomo che dovrebbe essere ai miei piedi ringraziandomi per avergli messo un po' di sale in testa l'anno scorso, proprio ad Alpha Horizon, a suon di schiaffi. Ed invece ti trovo a lisciare il pelo di Sanshkin, facendo passare le sue ignobili azioni come una nobile impresa per poi mettere in dubbio il mio diritto ad un rematch.

Lance sorride scambiandosi uno sguardo con la moglie, che scuote la testa. Poi torna serio, verso Boom.

LM:Quello che deve sparire all'istante da questo ring sei tu, e lasciarmi risolvere la mia questione con il drago avido d'oro. Poi quando avrò finito sarai libero di venirmi a chiedere una shot che sarò lieto di darti, ma fino a quel momento levati dai piedi. Io sono stato derubato di ciò che mi spetta e non mi fermerò di fronte a nulla per riottenerlo, mettetevelo bene in testa. Non ti mettere in mezzo, Boom, non è un ruolo che ti appartiene.

Boom si avvicina a Lance.

BBB: Benvenuto, Lance. E complimenti anche a te per i tuoi quindici secondi di fama, spero te li sia goduti appieno. A scanso di equivoci: sì, parlo dei quindici secondi in cui sei stato campione del mondo, un record davvero invidiabile.

Il pubblico reagisce con un "oooh".

BBB: Voglio che sia chiaro che non sto chiedendo di soprassedere sul tuo diritto di rematch. Sto solo sottolineando che il tuo diritto non è così lontano dal mio: tu hai battuto Jack Keenan, laureandoti campione, ma Sanshkin ti ha battuto.

BBB indica il dragone.

BBB: E io ho battuto Sanshkin. Tu hai battuto il campione, io ho battuto il campione. Non voglio rubarti nulla, Lance: nessuno ha mai voluto farlo. Non fare la vittima, non c'è stato nessun crimine. Il mio ruolo è proprio quello dello sfidante, se sto chiedendo la shot a Sanshkin, senza portarmi mazze da baseball dietro, è perché dopo Zero Hour, so che anche lui vuole un match contro di me. Di sicuro, non devo chiederlo a te. Su questo ring, sei tu ad essere uscito sconfitto da Zero Hour.

Lance sembra voler affrontare subito Boom, ma Sanshkin interviene.

SHK: Salve Lance, salve Ele. Vedo che come al solito vi siete lasciati una scia di morti alle spalle, poco male. Penso di non doverti nemmeno più cucinare visto quanto ha già detto Boom, ma c'è una piccola cosa Lance.

Il campione TWC porta il suo titolo a distanza di due dita da Lance Murdock.

SHK: A Zero Hour ho fatto l'unica cosa utile a questa federazione. Ho evitato che una vera era di terrore nascesse. Io so realmente chi sei, io ti ho combattuto già diverse volte e con quella donna accanto, tu non sei altro che il peggior essere strisciante su questa terra. Quindi l'utilizzo dell'anello, che per la cronaca veniva dopo una carneficina contro BBB, era l'unica cosa giusta da fare.

Il Dragone riporta sulla sua spalla il titolo e sposta lo sguardo sulle tre persone che ora dividono con lui il ring.

SHK: Ora Lance, quello che Boom ha detto prima non è falso. Tu hai battuto Keenan, io ho battuto te e lui ha battuto me. Quindi mi sembra giusto concedergli la sua possibilità, visto che tu puoi invocare la tua da ex campione andando a frignare da Brown o rivoltando mezza security della TWC. Non ho fretta, per me potremmo anche scontrarci tutti e tre, non è un problema. Lo sarebbe sul piano morale, perché BBB meriterebbe un'altra chance al titolo da solo, ma se proprio non si può fare, noi siamo qua. Cosa ne dici Lance?

Murdock ride istericamente.

LM:Che devi bruciare all'inferno. Continuate a vivere in questa realtà distorta dove IO sarei il cattivo che non merita nulla e voi nobili cavalieri in armatura scintillante. Non è neanche lontanamente così, battere un campione non ti dà automaticamente diritto ad un cazzo, io ho legalmente un diritto ad un rematch.

ELK:E definire quella di Boom vittoria mi sembra un eufemismo alquanto azzardato. Ed è molto carino portare il tuo match avuto con questo individuo due ore prima come giustificazione per il tuo vile gesto.

LM:Esattamente, perciò smettetela con questa ridicola farsa, non permetterò che il titolo mondiale diventi il teatrino della vostra ridicola famiglia. Sono arrivato oggi con tutte le migliori intenzioni, non avrei permesso ad un patetico individuo come te di derubarmi anche della mia felicità. Ma le cose hanno preso una piega decisamente sbagliata. Virgil Brown decide di schermare il suo campione di cartapesta legandomi le mani alla giustizia che ho intenzione di imporre, poi quest'altro pagliaccio mascherato si intromette dove non dovrebbe. Vi avverto per l'ultima volta: BBB deve immediatamente sparire da questo ring ed io eserciterò il mio diritto di rematch, che mi spetta di contratto, per poter riprendere ciò che non avrei mai dovuto perdere.

Elektra issa la mazza sulla spalla.

ELK:Altrimenti saremo costretti ad usare le maniere forti, molto forti. Siamo disposti a tutto, veniteci contro e sarà come andare addosso ad un fottuto carrarmato.

SHK: Noi non siamo cavalieri Lance, questo è il punto. Continui ancora a credere di essere il capro espiatorio qui dentro, colui che si sacrificherà per i grandi mali della TWC, ma in realtà sei il cancro peggiore che potesse capitarci.

Il campione stoppa la coppia con le sue parole e si mette a guardare Murdock dritto negli occhi.

SHK: Lance, tu hai il tuo dannatissimo rematch e lo puoi richiedere in qualsiasi momento, in qualsiasi modo tu voglia, anche con la violenza che ti si addice visto l'uomo che sei. Fino a prova contraria però, qui, il campione sono io, quindi se volessi decidere di affrontare Boom lo farò. Se volessi decidere di affrontare Keenan, lo farò. Se dovessi decidere di affrontare qualsiasi persona in quel dannato backstage, lo farò. E lo farò prima di scontrarmi con te, se questo ti riuscisse a far capire anche in minima parte che non sei per niente degno di questo titolo.

Sanshkin punta il dito verso Lance Murdock.

SHK: Guardati allo specchio e riconosci la canaglia che sei, quando l'avrai fatto sarò felice di affrontarti in questo ring da solo. Ultima cosa, il diritto che ti arroghi in questo momento è figlio di un intero anno di monopolio della scena, sei veramente sicur...

La theme di Brown però interrompe le parole del World Heavyweight Champion.


Immagine
VB:Vediamo di fare un po' di luce sulla situazione prima che come al solito si venga alle mani, magari cerchiamo di evitarlo questa volta, che ne dite? Potete fare tutte le discussioni che volete ragazzoni ma alla fine dei giochi quello che decide i match sono io, chiaro? Dunque vi libererò di questo tedioso fardello e deciderò io quale sarà il main event di Alpha Horizon. Dunque, Lance Murdock sfrutterà la sua clausola di rematch in un match contro Sanshkin...

Lance osserva con un ghigno il GM, reazioni miste tra il pubblico.

VB:E contro BBB in un triple treath match! Questo è tutto.

Esulti tra il pubblico, i due fratelli sembrano apprezzare, i coniugi Murdock molto meno, il loro ghigno è stato spazzato via.

LM:Mi ricorderò anche di questo, Virgil... Ed io sono un uomo che mantiene fede alle promesse.

VB:Per una volta tanto cerchiamo di chiudere la puntata da gentiluomini, eh? Il dado è tratto perciò non c'è motivo di creare caos.

LM:Virgil, Sanshkin, Boom, tutti voi imparerete a tremare quando sentite il trillo del diavolo. Ho detto che mantengo le mie promesse, perciò...

Lance si volta all'improvviso... E ABBATTE BIG BLACK BOOM CON UN DEVASTANTE SPINNING KICK FUORI DAL NULLA! DEVIL'S TRILL SONATA!
Immagine
BBB crolla a terra, Murdock rabbioso lo indica al campione mondiale per poi scambiarsi un cenno con la moglie ed uscire dal ring, livido dalla rabbia, prendendo dei fischi. Percorrono la rampa fermandosi ad osservare malamente il general manager di Indoor War per poi sparire nel backstage scuotendo la testa. Virgil rimane impassibile mentre nel ring il campione aiuta il mascherato, pesantemente stordito, a rialzarsi. Su queste strane immagini, con dei fischi per Murdock in sottofondo, si chiude il primo Indoor War dell'anno. Una maniera alquanto bizzarra per iniziare quest'anno, ma restate con noi, per vedere come si evolverà la situazione. Alla prossima!










Credits:
Dims, Elban Rattlesnake, Liontamer, SimoAF, straight edge savior,
Christian, CM-Cena, Daylily, Galactikos, Il Capitano, Matt Thunder, NotOnlyWWE, Phil is Wrestling, Stevester, Simon, The Hawk, woo woo woo man.

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 11/01/2019, 22:33

Immagine
Fallout Time! Le telecamere aprono il collegamento all'interno degli spogliatoi TWC, dove troviamo gli Watchmen.
ImmagineImmagineImmagine
Gregory Montoia, in camicia di flanella rossa e jeans, sta disinfettando una ferita di Viola Vixen, seduta su una panca, con una felpa bianca degli Watchmen addosso. Jessica Morton, dall'altra parte, sta osservando la procedura, gli occhi socchiusi. Improvvisamente dalla porta dello spogliatoio arriva una bussata lenta.
Immagine
Travis Miller, dopo aver attirato l'attenzione, entra nella stanza e si guarda attorno.

TM:Mh, speravo di trovare anche il tuo compare, peccato. Oh beh, dovrai riferire anche a lui il messaggio allora.

Lo sguardo dello scozzese si ferma su Greg.

TM:Tranquillo, non sono qui per vendicare l'onore di Thunder, le battaglie che intraprende sono sue e mi interessano davvero poco. In un qualsiasi altro contesto vederlo farsi schienare da due persone contemporaneamente mi avrebbe anche divertito, ma quando siparietti del genere influenzano anche la mia carriera poi sento il bisogno di intervenire.

Travis si ferma brevemente e poi torna a parlare.

TM: Immagino che durante i preparativi per il match tu abbia sentito quello che ho detto là fuori, tutto il discorso sulle cinture, su Sanshkin ed il titolo mondiale. Beh, quelli erano i miei piani per Alpha Horizon, ma non ho fatto nemmeno in tempo ad incontrare Brown per discutere concretamente di una title shot prima di ritrovarmi due sfidanti ai titoli di coppia.

Travis sospira.

TM: Lo so che a Brown piace usare metodi complessi ed esagerati per creare nuovi team, ma quel match non aveva nulla a che fare con i titoli tag. Io sono il campione tanto quanto Thunder e non ho avuto alcuna voce in capitolo nell'assegnazione di questa title shot, è ridicolo. E poi parliamoci onestamente, nessuno entra in un Triple Threat sperando di trovare un compagno di tag. Sono sicuro che sia te che Scrull avete ben altri obiettivi per la vostra carriera, e se entrate nella categoria ora vi assicuro che Brown vi ci incatenerà fino a quando la federazione non chiuderà battenti. Fidati, ne so qualcosa.

L'Ice Demon si gratta la testa.

TM: Quindi, direi che ho un'opzione per far uscire tutti da questa arena col sorriso sul volto. Avete la vostra vittoria su Thunder, che sicuramente varrà qualcosa, avete un conto in sospeso dal match visto che nessuno dei due ha vinto sull'altro, ed io ho di meglio da fare. Lasciamo perdere tutta questa storia della title shot, voi andate pure ad affrontarvi per i prossimi sei mesi o a spendere la vostra carriera come meglio credete, ed io vado a prendermi il titolo da Sanshkin nel frattempo. Quando avrò anche quello potremo tornare a parlare di title shot. Mi sembra onesto, no?

Greg rimane in silenzio un istante, continuando ad occuparsi della ferita di Viola.

GM: Miller, che piacevole sorpresa.

Gli occhi nocciola del canadese non si spostano dalla tempia della lottatrice.

GM: Non un brutto discorso, davvero. Molto politico. Lascia che ti esponga alcuni problemi, però.

Boston appoggia il disco di cotone, prendendo ago e filo.

GM: Per prima cosa, dubito tu possa anche solo pensare di vendicare l'onore di Thunder. Non ne ha mai avuto uno. Che è l'esatto opposto del tuo caso, un onore lo avevi.

Greg da il primo punto a Viola.

GM: Secondo, nel momento in cui hai perso quell'onore, della tua carriera non mi interessa più nulla. Non intendo concludertela, non ti preoccupare, ma dubito seriamente mi farò da parte per permetterti di cercare di ottenere un dream match.

Il canadese dà anche il secondo punto.

GM: Terzo, credo sia giunto il momento per te di preoccuparti di più dei tuoi compagni di tag, e meno di quelli degli altri. Quante volte ti è capitato, oramai, di finire in coppia con persone a caso e seguire il corso degli eventi? Tre, oramai. Se vuoi pensare alla tua carriera, forse è ora che tua la prenda in mano.

Greg da il terzo ed ultimo punto, per poi staccare il filo con un morso.

GM: Ora, questo sarebbe il momento in cui ti do una opzione alternativa per evitare di lottare contro di me. E fidati, vuoi fare tutto quello che puoi per evitare di lottare contro di me. Vai nell'ufficio di Virgil Brown e rendi vacanti quelle cinture. E con quelle intendo anche quella di Thunder. Mi risparmieresti un sacco di lavoro. Lascia che sia Virgil a trovare una coppia che non sia un effettivo danno per questa federazione. E esci da questo con il collo intatto.

Montoia osserva il lavoro fatto.

GM: Ma c'è un problema, Miller, ho un amico che ci terrebbe particolarmente a vedermi mentre ti rifilo un Superkick, quindi non hai neppure questa opzione. Io fossi in te mi porterei del ghiaccio spray nella borsa, giusto per sicurezza, perché non ho alcuna intenzione di lasciarti andare.

Greg finalmente osserva lo scozzese, iniziando a parlare con un distinguibile accento texano.

GM: Travis.

TM: Wow. Un'altra persona che mi sono inimicato per colpa sua. Perché non sono sorpreso.

Travis si passa una mano tra i capelli.

TM: Prima di ricadere nello stesso discorso che ripeto da ormai un anno, ti consiglio di guardarti attorno. Considera lo stato attuale della TWC, considera chi detiene la maggior parte dei titoli maschili della federazione. Ripeto oggi a te come l'ho ripetuto a chiunque altro nello scorso anno: Puntare ai miei obiettivi personali a qualunque costo è stata la miglior scelta che io abbia mai fatto in tre anni di carriera, ed ogni giorno che passa la storia mi sta dando sempre più ragione.

Travis incrocia le braccia.

TM: Ma già lo so che questo non ti farà cambiare idea. Quel tono agguerrito e quel discorso riempito di minacce nemmeno troppo velate non sono di una persona aperta al dialogo. Sono costretto a considerare seriamente nostro match di Alpha Horizon. Il match contro te e Scrull, parlando di farsi trascinare dal corso degli eventi. Non fraintendermi, sono sicuro che tra voi due ci sia la giusta dose di rispetto per poter funzionare in un match di coppia senza implodere, ho visto di peggio. Ma non pensare per un secondo che basti questo e qualsiasi cosa tu sappia fare sul ring da solo per arrivare ai titoli di coppia. Vi serve un livello di coordinazione che non raggiungerete mai entro il Pay Per View, vi serve quel tipo di fiducia reciproca che non insegnano in nessuna scuola di wrestling al mondo, e più di ogni altra cosa vi serve avere un motivo comune. Ora, non ho problemi a credere che tu non lo stia facendo solo per poter prendere a calci me, posso anche convincermi che tu ci tenga alla divisione tag e voglia i titoli per un qualche motivo nobile. Ma Scrull? A lui non importa di questo match. Non gli importa di mettere le mani su di me o Thunder, ed ugualmente non gli importa di te.

Travis interrompe il discorso brevemente.

TM: Tu ed Andy Scrull non siete una coppia, siete una circostanza tanto quanto me e Thunder. La differenza? Io questa cazzo di divisione ce l'ho nel sangue. Hai ragione, sono stato trascinato più di una volta dal corso degli eventi e mi sono ritrovato di fianco a compagni casuali, ma ogni volta mi sono adattato, e ad oggi ho detenuto quei titoli di coppia più di chiunque altro in TWC. E' successo con Gates per ben due volte, sarebbe potuto succedere con Cross se non avesse fatto il peggior errore della sua carriera, ed è successo persino con Matt Thunder. Ho dimostrato non solo di saper arrivare in cima alla categoria, ma di essere talmente abituato alla scalata ormai da poter prendere qualsiasi palla al piede che la federazione mi rifili e lanciarla sopra la testa di chiunque altro qui dentro.

Travis fa un passo in avanti.

TM:Voi due non avete assolutamente nulla che mi interessi, ma se andate fino in fondo con questo match sappi che non mi presenterò ad Alpha Horizon solo per la quota del Pay Per View come il tuo compare. Farò sul serio e vi farò pagare ogni secondo che ho sprecato su voi due piuttosto che sul campione del mondo. D'altronde sono sicuro che te l'abbiano già raccontato, ho spezzato figli di puttana più resilienti di voi.

Greg ridacchia, per poi riprendere a parlare con la sua solita parlata neutra.

GM: È vero, tu sei stato in questa categoria per molto tempo. Sicuramente ti sai adattare, ma non hai la minima idea di come sia fatto io. Io sono il lottatore di coppia perfetto. Posso adattarmi a qualsiasi stile e qualsiasi persona. Puoi anche pensare di entrare su quel ring con un vantaggio, ma tu entrerai con Matt Thunder, una persona che non sopporti, io ci entrerò con un compagno di tag. Perché io sono un Tag Team da solo. Conosco Andy Scrull, e so prima di lui cosa farà sul ring. Lo coprirò quando ci sarà bisogno, e lo assisterò quando sarà importante.

Il canadese poi torna serio, sedendosi a poca distanza da Viola.

GM: E i motivi di Scrull, in questo momento, non mi interessano. Togliendo quei titoli a voi avrò già fatto qualcosa di positivo.

Greg sospira.

GM: E spero davvero tu ce la metterai tutta. Già non hai possibilità, se non ti impegnassi neppure, finirebbe per durare cinque minuti il nostro match.

Lo scozzese accenna una risata.

TM: Non se ne esce, non se ne esce.

Travis si dirige verso la porta.

TM:Io la possibilità ve l'ho data, ma mi costringete a cambiare i miei piani. Sanshkin è salvo per un altro paio di mesi.

Una volta arrivato di fronte all'uscita il campione si volta verso Greg.

TM: Alpha Horizon sarà una serata deludente per tutti noi. Spera di essere pronto.

Dopo un breve cenno di saluto lo scozzese abbandona la stanza, e su queste immagini il collegamento si chiude.

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 25/01/2019, 21:23

Immagine
Immagine
Ed eccoci, con il Kickoff di Indoor War, a breve live da New York! Ci troviamo nel parcheggio del Barclays Center, dove possiamo vedere le macchine dei vari atleti, fra cui l'elegantissima limousine di Vincent Cross. Ma, ancora meglio, possiamo vedere una figura. Sean Morgan.
Immagine
The Orphan sta passeggiando con passo determinato verso il palazzetto. Notiamo come il look sia sempre lo stesso per Sean Morgan: stivali marroni, jeans blu notte e una giacca di pelle nera, sotto la quale notiamo la famosa maglietta con scritto "Just Prey", punta di diamante del merchandise di Morgan. Il lottatore di Kansas City si sta dirigendo verso l'entrata dell'arena, e sembra essere riuscito a raggiungere la porta, quando viene fermato dalla punta di una mazza da baseball.
Immagine
Gregory Montoia, in una giacca rossa e jeans, oltre alla sua immancabile cuffia, osserva Sean Morgan con un sorriso sarcastico.

GM: Salve Morgan. Credo tu sappia ancora chi sono.

Sean scuote la testa.

SM: Buonasera pure a te, Greg. Come potrei dimenticarmi.

GM: Quindi immagino anche che tu sappia perché sono qui.

SM: Il più classico dei: "Te l'avevo detto"? Nah.

Morgan fa una smorfia.

SM: Troppo banale da parte tua. Magari qualcosa sulla mia impossibilità di combattere ad Indoor War fino a contrordine.

Il canadese scuote la testa.

GM: Per avvisarti. Gli Watchmen non hanno smesso di osservarti. Non uscire troppo dal seminato, oppure dovremo tornare nuovamente a occuparci di te.

The Orphan simula uno sbadiglio.

SM: E' proprio vero che la categoria tag rende tutto ciò che la circonda più noioso.

Morgan sogghigna.

SM: Devo ammettere che mi sono un po' offeso. Passare dal sottoscritto a Matt Thunder, non deve essere molto gratificante.

GM: Faccio quello che devo, Morgan. Non è stato gratificante lottare contro di te, non lo sarà lottare per quei titoli.

Greg spinge ancora leggermente indietro Morgan.

GM: Ricordati. Non superare il segno. Ti osserviamo.

Greg si volta, entrando nell'arena e sparendo.

SM: La serata non poteva iniziare in modo peggiore.

Sean alza lo sguardo verso l'alto, per poi riprendere il suo cammino interrotto da Greg. Siamo veramente prossimi all'inizio di Indoor War, non fate l'errore di cambiare canale proprio adesso!



/----------------------------------------------/


Immagine
Le immagini ci accompagnano presso il Barclays Center, New York, dove a breve avrà luogo l'ottantaduesimo appuntamento con Friday Night Indoor War.
Immagine
Attraverso uno schermo scorrono delle immagini che vedono come protagonista Cornelia, ex lottatrice della TWC.
Immagine
La testa china sul cellulare, Augusta guarda le immagini sorridente, gli occhi che le si illuminano.

??: Ciao!

Augusta alza la testa e scatta in piedi. Del sorriso di prima non c'è più traccia.
Immagine
Lady Violence è davanti al suo armadietto, indaffarata a mettere un po' di ordine.

Augusta: Che diavolo di problema hai tu?

La lottatrice mascherata distoglie l'attenzione dalle sue faccende e si ritrova davanti la compagna con una faccia resa deforme dalla rabbia.

Lady Violence: Nessuno. Ho fatto qualcosa che non va?

Augusta: Avevamo detto che non ci saremmo più parlate. Anzi, dovevamo stare separate.

Lady Violence: Capisco. Hai ancora la luna storta, o forse è qualcos'altro.

Lady Violence scuote la testa e torna a pensare al suo armadietto... Ma Augusta glielo chiude in faccia!

Augusta: Stammi bene a sentire, Peter Pan.

Le punta il dito contro.

Augusta: Ne ho abbastanza di te... E togliti quella mascherata, sembri uno spaventapasseri!

Lady Violence si acciglia di fronte alle urla scomposte della compagna.

Augusta: La prossima volta che perdo per colpa tua, ti rovino. Ti rovino, hai capito? Sono stufa di queste stronzate.

Lady Violence: La colpa è tua, tu sei stata battuta, non io.

Augusta si morde le labbra.

Lady Violence: Ma ti ho perdonata, si fa così in famiglia.

Augusta: Questa non è una famiglia. Questo è lavoro. A me non me ne frega niente né di te né di tutti gli altri.

Lady Violence: Lo sappiamo. E un po' mi dispiace.

Augusta: Ma cresci un po'! Anche agli altri non frega niente di te. Tutti sono qui per un obiettivo, ciascuno ha il proprio. Chi vuole farsi un nome, chi vuole menare le mani, chi per il riscatto, chi perché da solo non è più in grado nemmeno di allacciarsi le scarpe... Tu invece perché sei qui? Perché pensi di aver trovato una famiglia che ti vuole bene e a cui tu vuoi bene? Cazzate! Scommetto che sei egoista tanto quanto noi, solo più brava a nasconderlo. D'altronde sei come la tua Livia: patetica e ipocrita, debole.

L'espressione di collera sul viso ora si è trasformata in un sorriso di sberleffo.

Augusta: Ci manca solo che tu ti metta a piangere, ora... Puah, che schifo!

Lady Violence ha la testa china, gli occhi persi nel vuoto.

Augusta: Ricorda: non voglio più averti fra i piedi.

Augusta dà un'ultima occhiata alla compagna, scuote la testa e fa per andarsene.

Lady Violence: Fortunatamente di Cornelia ne esiste una sola. E non sei tu.

La lottatrice mascherata alza la testa e guarda Augusta che nel frattempo ha arrestato il passo.

Lady Violence: È inutile cercare di essere come lei, non lo sei e basta.

Lady Violence vede Augusta uscire dalla stanza. SALVO REINTRARCI SUBITO DOPO PER VIA DI UN CALCIO ALL'ADDOME! Lady Violence si alza in piedi, mentre nella stanza entrano Vincent Cross e i suoi amici ed "impiegati" al gran completo, assieme a lui ci sono Ben Roberts, Street Dog Raymond, Xander Deckard e Richard Rossen!

ImmagineImmagineImmagineImmagine
Immagine

XD: Parità dei sessi!

Lady Violence si avventa sugli assalitori della sua compare di brigata, ma questi fanno affidamento sulla superiorità numerica per immobilizzarla e sollevarla. Ben si allontana dal gruppo per andare a controllare Augusta, che sta cercando di rialzarsi, e la stringe in una Headlock per tenerla ferma. Nel frattempo Cross assieme agli altri ha sollevato Lady Violence, schiantandola con violenza contro il tavolo davanti allo specchio del camerino!

Immagine

Lady Violence rotola per terra dolorante, mentre Augusta si libera dalla stretta di Ben Roberts, che cerca di tenerla per le spalle, ma niente da fare: questa gli dà una gomitata sul naso, liberandosi, cerca di sferrare un calcio a Vincent Cross ma è subito colpita dal Biker Demon con un Kill It!

Immagine

La ragazza crolla al suolo, e subito Xander e Richard si avventano su di lei con degli Stomps, salvo essere fermati da Ben Roberts che li allontana spingendoli via!

BR: Enough!

RR: Che cazzo fai Ben!?

XD: Dobbiamo fargliela pagare a quest-

SDR: Ha ragione Ben, basta.

Street Dog si frappone tra i tre.

SDR: Noi siamo qui solo per mettere fuori gioco la brigata, non per comportarci da vigliacchi.

XD: Eravamo cinque contro due, più vigliacchi di così...

RR: E poi hanno iniziato loro con gli attacchi in gruppo.

VC: Avet tutti ragione.

I presenti nella stanza ancora pienamente coscienti si voltano verso Vincent.

VC: Non abbiamo per niente bisogno di esagerare. Stiamo solo retribuendo loro ciò che ci han dato due settimane fa. Avrei potuto essere morto a causa loro. Ma al tempo stesso, come il nostro Xander ci può insegnare, la caccia va gustata con intelligenza. Le nostre vittime ci saranno molto utili. Alejandro!

Alejandro Signos entra nella stanza.

Immagine
L'allenatore sorride.

AS: Un bel lavoro vedo, pulito e preciso.

BR: Risparmiati frasi del genere, vecchio.

Alejandro lancia un'occhiataccia a Ben, mentre Street Dog e Vincent Cross sollevano i corpi delle due.

VC: Ora li portiamo in un posto dove possano essere trovati. Avvisa Kurt che deve nascondersi. Sarebbe una vittima perfetta.

AS: Lo dici sempre.

BR: Un po' ci spera.

Vince guarda di sottecchi il barista, che gli fa l'occhiolino. Vincent sbuffa, ed il gruppo esce dalla stanza, portando con sé le lottatrici incoscienti.



/----------------------------------------------/



Ci troviamo all'entrata Barclays Center di Brooklyn dove a breve si svolgerà un nuovo sfavillante episodio di Indoor War. Qui vediamo fare il suo ingresso James Devil, alla sua prima apparizione dopo gli eventi di Zero Hour!
Immagine
Lo vediamo fare il suo ingresso nel palazzetto sotto gli sguardi sgomenti di molti che si interrogano su quale sarà il suo operato. Appena entrato trova ad accoglierlo Lance Murdock insieme ad Elektra Murdock.
Immagine Immagine
LM:James, speravo di poterti trovare qui oggi. Immagino tu non sia soddisfatto di come si sia evoluta la situazione, ed io tantomeno. Sono sicuro che potremo fare buone affari, che ne dici di una chiacchierata da diavolo a diavolo?

L'ex campione mondiale tende la mano.

JD: Lance... Elektra...

Il misterioso uomo del passato di Sanshkin stringe la mano al suo interlocutore e si esibisce un galante bacia mano verso la sua signora.

JD: Sono molto insoddisfatto di come si sia evoluta la sera di Zero Hour, speravo di aver annientato definitivamente quel verme di Eddie. Invece me lo ritrovo con il titolo massimo alla vita. Mi ha fatto comunque piacere ricevere la tua telefonata Lance, so che sei un ottimo uomo d'affari qui dentro e sicuramente troveremo il modo di risolvere questo piccolo inghippo creatosi con quell'impostore.

LM:Molto bene, sono sicuro che troveremo un accordo.

ELK:Perché non discutiamo in un posto un po' più appartato? Abbiamo trovato il posto adatto.

Devil si incammina anticipando la power couple.

JD: Non amo perdere tempo. Ho degli affari da sbrigare.

Lance Murdock e Elektra Kellis raggiungono l’uomo vestito di nero. Le immagini sfumano, e ora siamo pronti ad assistere all'ottantaduesima puntata di Friday Night Indoor War! A tra poco!




Up Next: TWC Friday Night Indoor War #82

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 25/01/2019, 21:25

Immagine
And now, from the Barclays Center, New York: TWC presents Friday Night's Indoor War #82!

Immagine
Immagine
Il Barclays Center di Brooklyn è nuovamente greminito in ogni ordine di posto per la sua federazione di wrestling preferita. Le telecamere ci mostrano alcuni fan delle prime file, che possono essere divisi in due categorie, chi con sé ha la maglia di Sanshkin e chi, invece, quella di Murdock. Siamo tutti pronti per iniziare la puntata e ad aprirla come giusto che sia è il campione dei pesi massimi della TWC.
Immagine
Sanshkin si palesa da sotto il titatron, questa volta non tirato a lucido e in completo bianco, ma maglietta d'ordinanza e pantaloni di tuta, titolo in spalla e sorriso beato stampato sul volto. Il campione si avvicina verso il ring, fa il giro e recupera il microfono, da il cinque ai commentatori e dopo di che sale sul ring.

SHK: Buonasera Brooklyn! Sei pronta per un'altra puntata di Indoor War?

Il pubblico risponde con un ruggito alle parole del dragone.

SHK: Ho avuto ultimamente due settimane piene per pensare al meglio a ciò che successo nell'ultima parte della scorsa puntata e anche per quanto avvenuto all'inizio. Ci sono cose che non mi vanno davvero giù qui dentro. Chi per un anno ha fatto i suoi porci comodi con questo e ancora non ha capito di non essere più il vero campione. Chi dopo averla persa preferisce attaccare gli altri invece che il sottoscritto.

Il mascherato cammina osservando il pubblico che si staglia davanti a sé.

SHK: Facciamo nomi e non restiamo nell'impersonale. Jack Keenan è stato il primo a farmi visita durante la serata. Mi ha prima chiesto un match nel backstage, poi è uscito su questo ring e si è fatto mettere al tappeto da Sannhet, che ha anche avuto l'arguta idea di "avvertirmi". Passiamo poi a Lance Murdock, che non solo ha praticamente bullizzato tutta la security, ma ha anche richiesto immediatamente il suo rematch per il titolo.

Il campione si ferma a centro ring, fa scivolare la cintura sulla mano libera e la solleva.

SHK: Ora, per mettere in chiaro una cosa: io sono disposto ad affrontare qualsiasi persona pronta ad uscire da quel backstage. Non perché io sia il più forte o il migliore avendo questa tra le mie mani, ma perché è lei che deve essere onorata e porta in auge. I campioni sono solo uno strumento del titolo, sono cantastorie che narrano cosa è stato e cosa sarà...

???: Sbagliato, sbagliato, sbagliato, sbagliato.

Una voce interrompe il discorso del World Heavyweight Champion, che si volta e-
Immagine
Lukas Sannhet è seduto a gambe incrociate sul ring, alle sue spalle! Il campione si volta di scatto.

SHK: Ma quando è arrivat-

LS: Silenzio!

Sanshkin aggrotta le sopracciglia, mentre il norvegese si alza, confrontandolo.

LS: Che spreco, Sanshkin, che spreco. Hai un emblema così grande, sulla spalla... e non ho mai visto nessuno sprecarlo più di te.

I freddi occhi di Lukas si posano sul titolo TWC.

LS: Un campione non è uno strumento per il titolo, il titolo è uno strumento per il campione. A nessuno interesserà della storia che vuoi narrare, se a nessuno interessa di te.

Sannhet torna a squadrare Sanshkin.

LS: Questo è il motivo per cui ho aggredito Keenan. Ha trattato quel titolo come un'affermazione. Il solo fatto che l'avesse in spalla, per lui era grandezza. E quindi lui si sentiva, e si sente, grande. Non funziona così. Spero tu lo sappia, Eddie Jordan. Non vorrei dovertelo insegnare.

Sanshkin piega il collo leggermente a sinistra ed osserva di sbiego il norvegese.

SHK: Salve Lukas! Sarebbe buono tu ti presentassi così e non di punto in bianco, ma va bene. Mi fa piacere averti qui questa sera. Come stai? Io bene, stavo tentando di parlare con il pubblico e raccontargli su quale valore io volessi dare a questo titolo, ma vedo che tu hai bisogno di parlare.

Il campione fa segno a Sannhet di continuare, ma questi resta in silenzio.

SHK: Capisco tu debba essere invogliato a parlare. Posso capire pienamente il perché tu abbia ben deciso di attaccare Jack Kennan due settimane fa. Chiunque lo farebbe, se non puoi puntare in alto, punta alla vetta più vicina alla cima.

Il WHC alza il suo titolo a mostrare la sua "taglia" in questo momento.

SHK: Il punto, Lukas, posso chiamarti così? Il punto è che io e Jack siamo completamente diversi. Il titolo che vedi nelle mie mani è quello che lui ha portato alla vita fino a Zero Hour, ma ha una valenza completamente diversa per me. Questo non è un traguardo, io non sono ancora arrivato, non sono nessuno, solo uno strumento di questo oggetto. Noi siamo la storia che ci creiamo, ma questa è solo l'oggetto più potente che si possa stringere tra le mani di un qualsiasi atleta della TWC.

Sanshkin riposiziona il titolo sulla spalla.

LS: Particolare. L'annullarsi di fronte a un oggetto, è particolare. Sbagliato quanto l'atteggiamento che aveva Keenan, ma in senso opposto.

Lukas schiocca la lingua.

LS: Inizio a pensare che nessuno qui sappia tenere quella cintura in mano, a parte me. Perché non facciamo un tentativo?

SHK: Penso che qualsiasi fosse stata la risposta avresti comunque detto che non era giusta. Quindi ora ti chiedo..

Il campione poggia il titolo sul volto di Sannhet.

SHK: Qui? Oppure vuoi chiedermi un match per questo titolo? Perché ho un piccolo problema da comunicarti. Ho una lunga fila di sfidanti che mi chiedono la stessa cosa, ma non ti sto bocciando l’idea, anzi sono molto divertito dalla tua richiesta, sei uno dei pochi che non ho ancora affrontato qua dentro.

Sannhet scuote la testa.

LS: Il tempo dev'essere quello giusto. Ora non lo è. C'è una questione importante di cui mi devo occupare.

L'Enden scrolla le spalle.

LS: Ma ovviamente, ci rivedremo molto presto, Edward.

SHK: Dimmi solo: quando e dove. Io sarò lì ad aspettarti Lukas.

Il campione dei pesi massimi punta il dito contro il norvegese.

SHK: Ti avverto, non pensare che sarà una passeggiata il nostro match, ma soprattutto, non osare chiamarmi con quel nome.

Sannhet rimane inespressivo.

LS: Lo saprai quando sarà il momento... Mike.
Immagine
Lights out. Quando tornano, Lukas non c'è più. Il campione rimane sul quadrato, a sguardo basso, mentre noi andiamo in pubblicità.




Up Next: Beverly Bailey

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 25/01/2019, 21:28

Bentornati ad Indoor War, gente, cambiate canale perché è in arrivo la vostra parte meno preferita dello show, la più vile creatura della TWC si prepara a fare il suo ingresso mentre risuona la sua theme!


Immagine
Un gilet di jeans come quello di due settimane fa sopra un reggiseno sportivo e jeans strappati. La cintura lenta nella mano che striscia sul pavimento. Sorride verso il pubblico, senza neanche prendersi la briga di sollevarla per mostrarla lascia la presa sulla cintura, lasciandola all'inizio della rampa mentre si dirige verso il ring. Recupera un microfono e lascia un occhiolino a Hikari Stern mentre viene sotterrata dai fischi ed entra nel ring. Fa un grande sbadiglio e stirandosi si poggia ad un angolo.

BB:Vi ricordate quando due settimane fa venni qui fuori e mi lamentai della mia prossima sfidante? Beh, in questo periodo ci ho ripensato, e sebbene il fatto che quell'ammasso di metallo sia ancora intero, sebbene questa divisione sia ancora aperta, sebbene quei figli di puttana abbiano fatto tutto alle spalle della loro fottuta campionessa... Avere una sfidante come Jessica non è così male. Senza girarci attorno, la vita di un wrestler è sempre dura.

La rossa si passa una mano sul collo, massaggiandoselo.

BB:In viaggio tutto il tempo, riducendo a pezzi il tuo corpo, e quando non lotti sei sempre stressato per colpa di qualche stronzo. Ma con Jessica ho la possibilità di uscire da questo circolo vizioso, posso non darle alcun cazzo di pensiero e per una volta rilassarmi. Insomma, un mese fa sono stata in un fottuto death match per prendermi quell'accrocchio di ruggine, me la merito una vacanza. Quindi queste settimane potrò vivere la mia vita in pace e poi quando arriverà Alpha Horizon presentarmi, entrare in questo ring, farle il culo ed uscire cinque minuti dopo ancora come vostro incubo. Niente male come piano, no? Dovreste gioire, perché se sono rilassata non dovrò fare roba orribile per metterlo in culo a tutti, ed è un bonus anche per voi, perché al momento ho i nervi quasi fottutamente a pezzi.

Bev si stacca dal paletto.

BB:Mi piacerebbe essere a Frontline in questo momento, potrei andare in Bikini a prendere il sole al Tiki Bar. Ma essendo nella fottuta New York, con quella troia di Elektra che ha fatto chiudere il nostro programma, vedrò di trovare dell'alcool di scarsa qualità per evitare di congelare le mie gustose chiappe. Ci vediamo tra due settimane, se proprio devo. Godetevi il resto della serata, Beverly free.

La campionessa lascia il microfono e si prepara ad uscire dal ring quando risuona la theme di Jessica Morton! Beverly, innervosita, si passa le mani sui capelli, scuotendo la testa.
La risposta alla canzone non è particolarmente accesa, anche se qualche tifoso sembra per lo meno soddisfatto che qualcuno sia venuto a rispondere a Beverly. Ed infatti ecco una figura spuntare sullo stage.
Immagine
Jessica, in jeans, giacca di pelle nera e maglietta degli Watchmen viola. La lottatrice si guarda attorno, un microfono già in mano, poi osserva la cintura che sta davanti a lei, a terra. Lentamente si china, accarezzandola con una mano e sistemandola. Per un attimo rimane immobile, come se la volesse raccogliere, poi scuote la testa e si rialza, superandola e dirigendosi verso il ring. Jessica fissa attentamente la rossa, arrampicandosi sui gradoni e salendo sul quadrato. La Morton ignora Beverly per un istante, posizionandosi a favore di telecamera ed eseguendo la taunt degli Watchmen. Poi lentamente si gira, tornando a guardare la campionessa.

JM: Salve, Bev.

Jessica fa un sorriso che non si estende agli occhi neri.

JM: Mi sembra che stessi parlando di me. E non ho potuto fare a meno di intervenire. E di mettere in chiaro alcune cose. Ho sentito più volte dirti che ero la ruota di scorta delle Sick Chicks, che sarò un'avversaria facile. Reality Check. Io ho fondato le Sick Chicks, e tu sei stata recuperata dall'assoluto nulla in cui eri, salvata da avversarie che ti avrebbero distrutto, portata alla vittoria grazie al nostro talento. Tu sei sempre stata la ruota di scorta delle Sick Chicks, Alice Angel ha avuto un impatto più importante di te. Se puoi essere qui, con quel titolo che hai deciso di lasciare sullo stage, è solamente grazie a me e Viola. Ma non è la cosa che mi da più fastidio questa, no.

La Morton si avvicina leggermente alla rossa.

JM: Non è nemmeno che tu mi stia considerando un obbiettivo semplice, perché non la sono. Ad Alpha Horizon ti porterò a scuola di come si lotta, su questo ring. Farò alzare in piedi ogni singola persona che in questo momento sta sbadigliando pensando a me e la farò saltare in piedi ad applaudire. Convincerò ogni singolo lottatore nel backstage che Jessica Morton non è una valletta, ma una lottatrice che merita di stare nel quadrato con i grandi, che quando entro i sul ring si osserva in silenzio, cercando di imparare qualcosa. Ti farò capire che stai per perdere anche quel titolo, quell'ultimo barlume di rilevanza che ti rimane. Ma no. Il problema è un altro.

Jessica fa un ulteriore passo avanti.

JM: Il problema è che tu eri una mia amica. Ti ho aiutato in mille situazioni, ti ho spalleggiato, ti ho sostenuto, anche contro il parere di Viola. E quando lei se ne è andata, tu non mi hai nemmeno chiamata una volta. Non hai pensato che Jessica sarebbe potuta stare dalla tua parte. Non ti interessava minimamente di me. Questo è il problema, Beverly. Hai tradito la mia fiducia. Non sarà una cosa impunita.

Beverly la osserva sorridendo.

BB:Ascolta attentamente le tre B più importanti di questa federazione: Beverly, Bailey, Bitch!

La campionessa conclude indicandosi con un pollice.

BB:Sono una creatura ripugnante, la fottuta brexit di questa divisione, la più grande stronza che il pianeta terra abbia mai conosciuto. Davvero ti aspettavi una chiamata da me dove ti rivelavo tutti i miei problemi di cuore? Poi? Un pigiama party con tè e biscottini?

La londinese gira attorno alla sfidante, ridendole in faccia.

BB:La differenza tra me e te è che io non ti ho mai considerato un'amica. Eri semplicemente la tipa strana che è amica della tua ragazza, perciò la sopporti meglio che puoi, in rispetto alla tua ragazza. Ma quando quella ragazza... Quando se ne è andata lei, quale cazzo di motivo avevo di tenerti ancora nella mia vita?

La campionessa si gira tra le dita una ciocca dei capelli di Jessica.

BB:"Merito di stare in questo quadrato", ma per piacere! Sai a malapena cosa sia il pro wrestling, l'unico posto in cui meriti di stare è uno squallido set porno con quei due tipi strambi che ti portavi a spasso. E saresti mediocre anche in quello! A proposito, dove sono finite quelle canaglie? Loro sì che sapevano essere utili quando volevano, e soprattutto non ti tediavano con le loro stronzate.

Bev scoppia ancora a ridere.

BB:Jessica, sei una cazzo di barzelletta, e la parte che mi fa più ridere è quella in cui ti credi superiore a me, come le Sick Chicks grazie al loro aiuto abbiano reso rilevante Beverly Bailey. Troia, nella mia prima sera qui dentro ho fatto tremare di paura la fottuta Elektra Kellis, una delle cagne che abbaiavano più forte qui dentro. E' il contrario, Jessica, voi due eravate nullità, al livello di un Roland Earnest Turner qualunque, ma quando io mi sono unita al vostro gruppo di pollastre era tutta un'altra fottuta musica. Solo dopo che sono entrata io le Sick Chicks hanno iniziato a suonare sul serio, e tu eri solo il fottuto Ringo Starr.

JM: Hai ragione, sei esattamente la brexit di questa divisione. Inutile, ridicola e improduttiva. Sei un bluff che nasconde solo un vuoto di contenuti e capacità. Per tutti i grandi proclami che fai, nonostante tu abbia quel titolo, non hai ancora mantenuto nemmeno una promessa. Sei un fallimento, nel senso più ampio del termine, e stai per finire.

Jessica rimane seria.

JM: So chi sei, Beverly. Io sono stata al tuo fianco, quando tu non consideravi neppure la mia esistenza. Io ti ho visto lottare, mentre tu non mi hai mai neppure guardata. Io ti ho ascoltata ragionare, quando tu nemmeno consideravi la possibilità di farlo con me. Io so chi sei, ma tu non sai chi sono io. Ed è per questo che vincerò. Perché so già quello che farai, ancora prima che tu lo faccia. Sei prevedibile.

Glitch si passa una mano nei capelli.

JM: E sì, sono e sarò sempre una lottatrice molto più di te. Io vivo e respiro wrestling da sempre, e solo perché non ero pronta quando ho iniziato, non significa che non ami questa disciplina. E, ad Alpha Horizon, quando alzerò quella cintura, non ti rimarrà altro da fare che accettarlo.

La Morton si prende di nuovo una pausa.

JM: E se vuoi fare paragoni, se le Sick Chicks erano i Beatles, tu avresti potuto essere John Lennon per quanto ti droghi.

Beverly si fa seria, andando sotto il muso della Morton.

BB:Non mi rovinerai con questa macchina del fango, stai attenta a come parli, perché in quest'epoca anche le parola di una disadattata come te potrebbero essere prese troppo seriamente. Finiscila di riempirti di proclami quando non hai ancora dimostrato nulla, sei ridicola. E non sei neanche la prima che si azzarda a dire che sono vuota e priva di capacità. Pff, stronza, posso avvitarti quel braccio, staccartelo ed infilartelo su per il culo in una trentina di modi diversi. Sono il meglio che la tradizione britannica abbia da offrire, da prima che tornasse di moda, ma non solo.

Beverly sfoggia un grande sorriso, tendendo i muscoli della bocca, mettendo in evidenza le cicatrici sui lati della bocca procurate durante il death match con Alice.

BB:Perché questa micetta ha gli artigli, e non c'è nessuno che sappia resistere all'estremo come lei. Ma immagino che con la tua esperienza BDSM anche tu non te la cavi male in quel campo, questo posso concedertelo. Ma io dal primo giorno qui dentro ho fatto saltare teste, ho umiliato le vostre paladine come Elektra ed Alice, sono arrivata ad essere la numero uno qui dentro. Eppure continuate ancora a sottovalutarmi, pensando che sia tutto chiacchiere e distintivo, fate come volete, sarà solo più divertente potervi sculacciare alla grande. Adesso puoi anche lasciare il ring della campionessa perché ne ho avuto abbastanza di te per questa sera, e non ho intenzione di farmi rovinare la mia vacanza.

JM: Io invece ho voglia di combattere. E visto che sono abbastanza sicura che, per quanto tu parli di quanto sia semplice lottare contro di me, non avresti mai il coraggio di entrare oggi sul ring con me, perché non mi trovi un avversario?

BB:Di quello che hai voglia di fare a me non frega un cazzo, trovatelo da sola un avversario.

La campionessa va verso le corde per lasciare il ring, ma Jessica la afferra ad un polso! Bev la guarda furiosa e stacca la presa.

BB:Troia, se vuoi firmare la tua condanna a morte questa sera dimmelo e ti accontenterò.

Le due si scontrano! Ma non fanno in tempo a fare nulla che sullo stage appare il GM Virgil Brown jr!
Immagine
VB:Ferme, ferme, ferme! Prima che facciate danni lasciatemi risolvere la situazione. Jessica ha detto di voler combattere questa sera, e Beverly sembra intenzionata a venire alle mani, perciò lo prenderò come un segno che anche lei ha voglia di combattere. Ma di certo non possiamo rovinare il match di Alpha Horizon, anticipando il vostro primo scontro uno contro uno questa sera, no? Allora Jessica combatterà insieme ai suoi compagni degli Watchmen contro Beverly e due partner a sua scelta in un 3 vs 3 questa sera!

La folla applaude, Jessica sembra approvare, Beverly è invece di tutt'altro accordo. Ma mentre sbraita e si lamenta risuona il trillo del diavolo!


Immagine
Elektra Murdock! Elektra Murdock fa la sua comparsa sullo stage! Con un microfono in mano, sconsolata osserva la cintura lasciata a terra, poi si affianca a Virgil.

ELK:Perdonate l'intrusione, l'ultima cosa che vorrei è stare insieme ad individui di un certo calibro. Sarò breve ed andrò subito al dunque: sono qui fuori perché ho una proposta per Bev. Sappiamo benissimo entrambe che non riuscirai a trovare due essere umani senzienti che vorranno lottare insieme a te neanche previo pagamento. Dunque, vista la mancanza di alternative, se a Virgil va bene, propongo che Bev faccia coppia insieme a Goro e Kiryu Nagai: due Young Spartans proveniente dalla mia scuola e che aiutano lo staff TWC, che potranno farsi le ossa alla loro prima esperienza in TV.

VB:Per me nessun problema, ben vengano due rookie in cerca di esperienza.

ELK:Mi fa piacere che almeno su questo non poni problemi. Signore? Per voi sta bene?

JM: Gli Watchmen affrontano ogni avversario senza problemi. Per me vanno più che bene.

BB:Al diavolo, porta pure questi due stronzi. Meglio due poppanti che niente, non ti assicuro però che li avrai interi, perché io ho intenzione di fare la mia vacanza e loro saranno usati come carne da macello. Trovate una terza persona da affiancargli. Io non ho intenzione di combattere stasera.

Fischi del pubblico

ELK:Fa parte dell'esperienza da Young Spartans, insieme al dover sopportare una fottuta strega del tuo calibro. Si troveranno una gran bella sfida. Visto che il mio lavoro è fatto vi lascio ai vostri affari.

Elektra torna nel backstage, seguita poco dopo da Virgil. Rimangono solo Beverly e Jessica sul ring, la campionessa si esprime in una smorfia di disgusto osservando la sua avversaria.

BB:Divertiti, stasera, stronza.

JM: Stai pur certa che lo farò.

Jessica esegue la taunt degli Watchmen, e sullo sguardo carico di odio delle due, noi andiamo in pubblicità. Non cambiate canale.




Up Next: Brigata di Teutoburgo

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 25/01/2019, 21:30

Backstage, Indoor War è in corso e qualcuno cammina freneticamente per il backstage!

Immagine

Acheron! Colui che beve le anime, membro della Brigata di Teutoburgo, cammina per il backstage guardandosi intorno. Grugnisce, ruggisce, emette versi non umani buttando per terra qualsiasi oggetto di piccole dimensioni sul suo passaggio. Ecco che arrivato ad un incrocio vede davanti a sé una persona che cammina guardando il proprio Smartphone: RICHARD ROSSEN!

Immagine

L'incauto fratello di Vincent Cross non sembra avvedersi di Acheron, salvo sentirne gli animaleschi ruggiti. Richard Rossen alza lo sguardo, urla come un soprano e corre inseguito dal membro della Brigata di Teutoburgo! Inizia una fuga disperata per il fratello di Cross, con il suo inseguitore che non molla l'osso. Rossen si porta nell'area scarico e carico dove sono parcheggiati i vari furgoni merci che trasportano il materiale per lo show. Sembra un vicolo cieco, Rossen si guarda intorno. E trova Acheron, che si avvicina a lui, lentamente.

RR: Possiamo parlarne?

Acheron si avvicina.

RR: Per te può finire male!

Si avvicina.

RR: Seriamente, COSA POTREBBE ANDARE STORTO!?

Afferra Rossen!

RR: RAGAZZIIIIII-

Ed inizia a strangolarlo! SALVO VENIRE COLPITO ALLA NUCA DA UN TUBO DI FERRO! E' stato Street Dog Raymond!

Immagine

Il lottatore inglese continua a colpire il membro della Brigata con questi colpi feroci, costrigendolo a terra. Il membro della brigata gattona per terra cercando di sfuggire al massacro, mentre Raymond va ad accertarsi delle condizioni di Richard. Acheron continua a gattonare, ma trova dei piedi sui suoi passi. I piedi di Vincent Cross, come constata il membro della Brigata alzando il capo.

Immagine


Cross, armato di mazza da baseball, sorride.

VC: Un pestaggio semplice per uno che non ha manco parlato. Dovresti esserne grato, come vieni così te ne vai.

Acheron prova a stringere i piedi di Cross, ma questi si allontana e lo colpisce con uno Stomp alla spalla destra. Poi lo rimette in ginocchio di peso.

VC: Se mai riprenderai i sensi, dì al tuo capo che ha scelto di combattere la guerra sbagliata.

Immagine

E LO COLPISCE CON LA MAZZA DA BASEBALL SUL CAPO! Acheron crolla a terra, privo di sensi. Raymond accompagna Richard portandolo sulle spalle.

SDR:
Era necessario?

VC: Sì.

Raymond rimane silente, sbuffa. Richard tossisce.

RR: Avresti lasciato che mi uccidesse?

VC: Considerarlo una ricompensa per aver cercato di togliermi la compagnia.

RR:
Dopo tre anni ancora porti rancore?

VC: Preferisco chiamarlo "essere moderatamente pizzicato".

Cross si allontana, seguito dagli altri due, mentre Acheron rimane a terra, immobile. Pubblicità.




Up Next: Singles Match - Yì Lì Xu vs. Adil Abhra

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 25/01/2019, 21:31

Bentornati a Indoor War, pronti per un match! Sul ring vediamo già pronto a combattere Adil Ahbra.
Immagine
Dopo qualche secondo, parte una nuova theme song!
Le luci nell'arena si fanno giallastre e rossastre, e sul titantron appare un imponente dragone cinese color oro. Dopo qualche secondo, una scritta appare al centro dello schermo.
毅力徐
Immagine
Yì Lì Xu fa il suo primo ingresso a Indoor War in uno sfarzoso ring attire color oro, con ricami rosso brillante. Il lottatore cinese si guarda per qualche secondo intorno sullo stage, serio, poi annuisce e percorre tranquillo la rampa, passo dopo passo. Arrivato davanti al ring, si sgranchisce un attimo il collo, poi sale le scalette e passa sotto la seconda corda, entrando sul quadrato. Il pubblico lo osserva incuriosito, mentre rimuove la sua tonaca dorata, rimanendo solo con i pantaloni dell'attire. Fatto ciò, il Golden Dragon si volta verso Adil Abhra, e l'ufficiale di gara fa segno che possiamo iniziare!
Singles Match
Yì Lì Xu vs Adil Ahbra


Subito Yì Lì scatta in avanti e con un salto colpisce Adil, che ancora non ha mosso un passo, dritto sulla mascella con un V-Trigger!
Immagine
Il gigante indiano traballa, stordito...
Immagine
RISING DRAGON! Xu mette a segno il suo rapidissimo Spin Kick, e poi schiena: 1... 2... e 3!

JR: The winner of this match: YI! LI! XUUU!

Vittoria rapida per il debuttante Yì Lì Xu, che adesso rimane al centro del ring, mentre la sua theme song risuona e-
Immagine
Attenzione, le luci dell'arena si spengono!
Risuona "Keep The Streets Empy For Me", a presagire solo una cosa.
Memory comes when memory's old...
Immagine
Lukas Sannhet appare fra il fumo e il buio sullo stage, con in mano una candela. Dopo qualche secondo, il norvegese soffia sulla candela. La theme song si ferma e il buio torna per qualche istante, prima che le luci si riaccendano. Dopo qualche secondo, l'Enden estrae un microfono dalla tasca interna della sua giacca.

LS: So chi sei, Dragone.

Sannhet fissa Yì Lì dallo stage.

LS: Le voci di un misterioso guerriero errante dalla forza straordinaria erano arrivate anche alle mie fredde terre, anni fa. Non pensavo che sarebbe arrivato qui un altro viaggiatore, oggi.

Lukas inizia a percorrere la rampa.

LS: So anche che quello che hai appena mostrato è solo una piccola parte di ciò che sai fare. Ma ora questo non è importante.

Sannhet sale le scalette a bordo ring, passa sotto la seconda corda ed entra sul quadrato. Fatto ciò, si mette davanti a Xu.

LS: Ho sentito che hai un problema con me.

L'Enden si mette a sedere a gambe incrociate.

LS: Tell me.

Yì Lì, con un cenno della mano, fa segno a un addetto di farsi passare un microfono. Ciò avviene, e esso viene fatto passare da sotto la prima corda. Xu si mette a sedere nella posizione del loto davanti a Sannhet, mantenedo il contatto visivo, con un piccolo boato della folla! Yì Lì afferra il microfono.

YLX: Credevo che tu sapessi già la risposta, ma pare che non sia così.

Respiro profondo del lottatore orientale.

YLX: Bene, ti dirò qual è il tuo problema. Siamo meno simili di quanto pensi, Ithaqua, anche se tu ti riferisci a me come "un altro viaggiatore". Se la mia fama deriva dai miei traguardi raggiunti con sacrifici e sforzi, la tua arriva da menzogne.

Timido applauso da parte del pubblico.

YLX: Il tuo culto, la "Luce Scarlatta", non è altro che un modo per prenderti gioco di animi più fragili del tuo. Non conduci le persone alla pace e alla saggezza, le usi per appagare il tuo ego con la loro adorazione.

Sannhet, fin'ora inespressivo, alza un angolo della bocca.

LS: Anche se fosse vero ciò che dici, sentiamo, cos'hai intenzione di fare a riguardo?

Xu aggrotta le sopracciglia.

YLX: Batterti. Per fare in modo che tutti capiscano di non aver bisogno di te, una vaga figura "mitologica", per raggiungere il successo personale.

Sannhet annuisce.

LS: Intrigante. Peccato che non abbia alcun interesse nel battermi con te.

L'Enden si rialza, e così fa anche Yì Lì.

LS: Io sono un cacciatore, e la mia preda in questo momento è di tutt'altra categoria. Ma sentiti libero di riprovare, quando vuoi.

Detto ciò, Lukas gira i tacchi e scende dal quadrato, fra i fischi del pubblico. Tuttavia, quando arriva sulla rampa, il Golden Dragon lo richiama.

YLX: Accadrà prima di quanto tu pensi, Sannhet.

Boato della folla, mentre Xu posa il microfono sul tappeto davanti a sé. Lukas Sannhet scrolla le spalle e continua per la sua strada. Sullo sguardo concentrato di Yì Lì Xu, che segue il norvegese, noi andiamo in pubblicità.




Up Next: Gregory Montoia

Avatar utente
Elban Rattlesnake
Messaggi: 10597
Iscritto il: 24/12/2010, 18:48
Città: Portoferraio
Località: Baretto Kurabu
Been thanked: 1 time

Re: TWC - Friday Night Indoor War(#81-???)

Messaggio da Elban Rattlesnake » 25/01/2019, 21:34

Ed eccoci di nuovo qui, in diretta da New York. Indoor War procede, e in questo momento siamo nel backstage del Barclays Center. Le telecamere stanno inquadrando una figura in camicia di flanella rossa e jeans, che sta aspettando qualcuno, appoggiata con la schiena contro il muro.
Immagine
Gregory Montoia, la mazza da baseball appoggiata a fianco a lui contro il muro, sta guardando il suo smartwatch. Il leader degli Watchmen si passa una mano sulla cuffia nera che indossa, poi riprende a guardarsi il polso, fino a che non alza lo sguardo verso l'alto, intercettando una figura che ha appena svoltato l'angolo, camminando ignara della sua presenza.
Immagine
Andy Scrull, mani in tasca e sguardo basso, sta proseguendo per il corridoio.

GG: Scrull, cercavo proprio te.

Andy si ferma sul posto.

AS: Ma pensa te che fortuna.

Il ragazzo si volta verso Greg.

AS: Non hai esattamente l'aria di essere in cerca di qualcuno, Montoia.

Il canadese ridacchia, staccandosi dal muro.

GM: A volte il modo migliore di cercare qualcuno è stare fermo ed avere abbastanza pazienza.

Greg fa un gesto vago con la mano.

GM: Immagino che tu sappia il motivo per cui sono qui, ma devo farti quel discorso in ogni caso.

Scrull sembra in procinto di dire una cosa, alzando una mano... ma poi la chiude e la riabbassa, sospirando.

AS: Sentiamo.

GM: Vincere i titoli di coppia è il mio dovere, e se voglio portarlo a termine, ho bisogno della tua collaborazione. Non so se ti interessa il mio dovere, ma spero che almeno l'idea di vincere i titoli di coppia sia abbastanza interessante per te da invogliarti a cooperare.

Montoia si passa una mano nella barba.

GM: Se vogliamo avere una possibilità, io devo coprire le tue spalle, e tu le mie.

Scrull incrocia le braccia.

AS: Un titolo sono più soldi per me, perciò sì. Questo non ci rende più che colleghi, però.

GM: Ed un tag team.

AS: Quindi colleghi, vedo che siamo d'accordo.

Momento di pausa.

AS: C'è altro, paparino?

GM: Più tardi sarò in un match, insieme a Viola e Jessica. Voglio tu sia a bordo ring. Così potrai analizzare come lavoro in coppia.

Il Soulless annuisce.

AS: Può andare. Ma cerca di non darmi ordini, non mi piace avere ordini.

Altro sospiro di Scrull

AS: Sono pur sempre il World Champion, da queste parti. Vedi di non dimenticarlo. Sono qui per questo.

GM: Per ora occupiamoci di renderti il World Tag Team Champion.

Andy ridacchia.

AS: Tu lasciami lavorare, e non avrai problemi.

Il canadese annuisce, facendo un mezzo sorriso.

GM: Sì può fare.

Greg da una pacca sulla spalla di Andy, girandosi e recuperando la mazza per poi allontanarsi. E sullo sguardo di Andy Scrull che osserva il membro degli Watchmen allontanarsi, noi andiamo in pubblicità. Non cambiate canale.




Up Next: ?????

Rispondi